Manifestazione delle donne: l’appello delle organizzatrici



ROMA – “Il 13 febbraio prossimo, nell’ambito della mobilitazione in tutte le città d’Italia promossa da un appello sottoscritto da migliaia di donne, si svolgerà a Roma, in piazza del Popolo alle ore 14, una manifestazione in difesa della dignità della donna, contro il modello di relazione tra uomini e donne ostentato e rivendicato dal presidente del Consiglio Berlusconi. Lo slogan della manifestazione dice: “Se non ora, quando” proprio per segnalare a tutti e a tutte che è il momento di scendere in piazza a manifestare il proprio sdegno”.
E’ quanto riporta un comunicato inviato alla nostra redazione dalla consigliera regionale Giulia Rodano, tra le promotrici della manifestazione.
“Il messaggio, che da ormai troppi anni viene diffuso particolarmente dalle televisioni di proprietà di Silvio Berlusconi, della donna come semplice oggetto di scambio tra sesso, risorse e ruoli pubblici, è assurto, con gli scandali che hanno coinvolto il presidente del Consiglio, a regola e modello di comportamento – continua la Rodano. “Ogni soglia di decenza è stata superata. E’ stata calpestata la dignità della maggioranza delle donne che con il loro lavoro, dentro e fuori casa, producono ricchezza e si prendono cura di figli, mariti, genitori anziani. Non si può né si deve continuare a tacere. Anche questa è una ulteriore dimostrazione che una parte sempre più ampia e diffusa di cittadine e cittadini, di lavoratrici e lavoratori, di ragazze e giovani, stanno cercando le vie per esprimere la loro volontà che Berlusconi vada via – spiega la consigliera.
“Per la nostra città e la nostra regione, domenica prossima rappresenta una importante occasione per essere presenti e contribuire anche in questi giorni, come siamo certi, molte e molti di voi hanno già cominciato a fare, alla crescita di un movimento di protesta e proposta della società civile che contribuisca a far uscire il Paese dalla palude che rischia di strangolarlo. Il nostro caldo invito a tutte e tutti voi è quello a un impegno straordinario di mobilitazione, con tutti i mezzi di comunicazione di cui ciascuna di voi dispone, in modo che il 13 febbraio a piazza del Popolo ci sia una grande manifestazione capace di far vedere che c’è un’altra Italia che difende la propria dignità e dice basta a un presidente del Consiglio che non può più, perché non ne è degno, rappresentare il Paese – conclude il comunicato.
Per vedere l’appello e anche per aderire individualmente o come circoli o come territori è possibile andare sul sito www.senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com.

<div class="

Precedente Roma, via Albalonga: centinaia di "no" al parcheggio Successivo Lezioni di dialetto molisano: a Casacalenda si studia la storia