L’azienda molisana Ittierre ora parla comasco con Albisetti



ROMA – E’ stato raggiunto l’atteso accordo con i sindacati per la cessione dell’azienda Ittierre di Pettoranello del Molise, leader nel settore della moda e uno dei principali bacini economici molisani, al Gruppo Albisetti di Como.
Dopo ripetuti rinvii, causati anche dal nodo della licenza Just Cavalli (era emersa l’intenzione di esercitare il diritto di recesso dal contratto di licenza Just Cavalli con Ittierre, che avrebbe compromesso la vendita della società), la firma definitiva è stata messa presso il ministero dello Sviluppo economico.
Sono durate oltre due anni le vicissitudini dell’Ittierre, azienda simbolo del tessile molisano, che faceva parte del Gruppo It-Holding. Dopo il crac del presidente Tonino Perna, le aziende sono state commissariate per due anni. La prima è stata proprio la Ittierre di Pettoranello.
E’ stata costituita la neonata “Ittierre spa” che occuperà da subito 570 lavoratori su un organico totale di 830 unità. La Regione Molise parteciperà al nuovo corso dell’azienda con le fideiussioni, entrando in maniera indiretta nel capitale. Il riassorbimento sarà effettuato alle stesse condizioni contrattuali e retributive precedentemente applicate.
Per il passaggio formale dell’asset di IT Holding, gruppo di moda in amministrazione straordinaria da quasi due anni, il prossimo appuntamento sarà presso il notaio Marchetti a Milano.
Concluso il capitolo Ittierre, dopo la vendita di Malo a settembre, i commissari straordinari di It Holding potranno concentrare tutti i propri sforzi sulla cessione del terzo e ultimo asset, la Gianfranco Ferré.
“Con la chiusura positiva della vertenza Ittierre e la salvaguardia del posto di lavoro e delle competenze dei suoi 570 lavoratori – sottolinea il ministro Paolo Romani – viene consolidata l’attività produttiva di un’eccellenza del settore moda e del made in Italy. L’accordo rappresenta inoltre un risultato particolarmente importante per il sistema industriale della Regione Molise, che ospita lo stabilimento dell’azienda che impiega il maggior numero di lavoratori”.
Nota positiva anche da Luigi Sbarra, segretario confederale della Cisl. “L’accordo raggiunto al ministero dello Sviluppo economico per la cessione della Ittierre al Gruppo Albisetti, assume un significato importante in quanto definisce uno sbocco positivo ad una difficile e complicata vertenza che si è trascinata da lungo tempo – scrive il sindacalista. “E’ un ulteriore tassello significativamente alto per livelli occupazionali, alla definizione della crisi del Gruppo It Holding dopo la positiva soluzione delle altre attività industriali delle aziende G.F. Ferrè e Malo. L’intesa, alla quale la Cisl ha fortemente contribuito per una sua efficace concretizzazione, consente di riprendere, attraverso un piano di investimenti ed in un contesto di piena collaborazione tra l’impresa e la Regione Molise, l’attività produttiva, il rafforzamento delle produzioni, l’immediata ricollocazione lavorativa per 570 unità in una regione piegata dalla crisi e da processi di deindustrializzazione che hanno fortemente indebolito la tenuta dei livelli occupazionali. L’accordo – conclude Sbarra – assicura una prospettiva di crescita e di sviluppo del territorio, contribuisce al rafforzamento di un settore quello del sistema moda centrale per il futuro del made in Italy, restituisce ai lavoratori un’opportunità concreta di occupazione stabile e duratura”.

<div class="

Precedente Moretti e l'omaggio al Papa molisano Celestino V Successivo "Concorsone" in Sicilia: 5mila posti nella sanità