LIBRI/ “Alberghi diffusi”, un manuale per conoscerli



ROMA – Cos’è un “albergo diffuso”? Come aprirne uno e avere successo sul mercato? Quali sono i benefici per lo sviluppo locale?
A tali quesiti risponde il “Manuale dell’albergo diffuso” scritto dall’amico Giancarlo Dell’Ara, fondatore e presidente dell’Associazione nazionale degli alberghi diffusi (edito da Franco Angeli).
Il libro, scritto dall’ideatore del modello dell’albergo diffuso, presenta il progetto di ospitalità che sta cambiando il panorama dell’offerta turistica del nostro Paese.
L’autore risponde alle domande di quanti desiderano occuparsi di ospitalità diffusa e di quegli amministratori che intendono conoscere i vantaggi, per lo sviluppo di borghi e centri storici, di un albergo che “non si costruisce”.
Il volume entra nel merito di tutti gli aspetti concreti della gestione e del marketing ed è organizzato come un viaggio nella storia e nell’attualità di questa formula di ospitalità che il New York Times ha definito “semplice ma geniale”. Assieme all’albergo diffuso vengono presentate anche le altre forme di ospitalità diffusa: dal “paese albergo” al “residence diffuso”.
Una lettura utile dunque anche per chi è interessato al turismo sostenibile, per i gestori di altre forme di ospitalità, quali B&B e aziende agrituristiche, che desiderano aggiornarsi e confrontarsi con un fenomeno tutto made in Italy.
Indice del volume:
Introduzione.
Albergo Diffuso, un albergo che non si costruisce
Parte I.
Cosa è un AD e a chi si rivolge
I nuovi turismi
I nuovi turismi chiedono nuovi prodotti
L’Albergo Diffuso
La famiglia dell’ospitalità diffusa
Parte II.
Gestire un AD
Dove aprire un AD
Come avviare un AD
Elementi strutturali
Il modello gestionale di un AD
Il marketing di un AD
La normativa
Bibliografia di riferimento
Appendice
Storia e attualità dell’Albergo Diffuso
Parole chiave
Alberghi Diffusi riconosciuti dall’Associazione nazionale degli Alberghi Diffusi
Ringraziamenti.

<div class="

Precedente Problemi di salute dei molisani: le malattie cardiache al top Successivo Molise, dieci domande al governatore Iorio