Anniversario unità d’Italia: Isernia riapre sito paleolitico



Anniversario unità d’Italia: Isernia riapre sito paleolitico

ISERNIA – In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’unità d’Italia, il prossimo giovedì 17 marzo sarà riaperto (per un solo giorno) il sito paleolitico di Isernia.
L’area “La Pineta”, con reperti risalenti a 736mila anni fa, è chiusa da tempo per lavori, in corso da quasi trent’anni, per realizzare un museo e rendere fruibile il sito.
L’insediamento di Isernia rappresenta un unicum per la conoscenza dell’origine del popolamento umano del continente europeo. Offrendo depositi lacustri, fluviali e vulcanici, consente di definire la successione degli eventi geologici per una vasta area dell’Italia meridionale, rappresentando un punto di riferimento per l’intero bacino mediterraneo. Conserva abbondanti resti faunistici, permettendo lo studio del bisonte e del rinoceronte, cosa assolutamente unica per situazioni così antiche. Ma soprattutto l’insediamento rappresenta una miniera di informazioni per la ricostruzione del modo di vita dell’homo erectus. Tre distinti suoli di abitato, caratterizzati da decine di migliaia di reperti, sono stati individuati; offrono fondamentali informazioni sulle modalità di produzione degli strumenti litici, sulle attività di caccia e di macellazione degli animali, sull’organizzazione degli spazi abitativi e sulle strategie di sussistenza, nel mutevole rapporto uomo/ambiente.
Allo studio delle testimonianze, gestito dalla prestigiosa Università di Ferrara, ha concorso un folto gruppo di ricercatori, italiani e stranieri. Le indagini, condotte con criteri interdisciplinari, hanno interessato tutti i campi: geologia, geomorfologia, pedologia, paleontologia, palinologia, cronologia, paleontologia umana, antropologia, paletnologia, ecc. In questo modo è stato possibile ricostruire i vari aspetti connessi con l’insediamento, in un quadro completo ed articolato, fruibile non solo a livello scientifico, ma anche divulgativo.
All’iniziativa del prossimo 17 marzo ha già aderito l’Inner Wheel Club di Isernia, auspicando “che Isernia possa, finalmente, diventare una grande meta turistica”. L’Inner Wheel Club, nato nel 1924 a Manchester, è la più grande organizzazione femminile di service al mondo. Attualmente conta oltre 100mila socie iscritte in ben 103 Paesi. Il club di Isernia, nato il 7 maggio 2007 ad opera del presidente del Rotary Club, Antonio Sanità, promuove azioni positive sul territorio.

<div class="

Precedente IDEE WEEKEND/ Via dei Prefetti, mostre su Pertini e Pazienza Successivo POLEMICHE/ Monicelli, Rai niente prima serata