Argentina: festa di congedo della delegazione di Carovilli (Is)



BUENOS AIRES – Presso i saloni della Società di Mutuo Soccorso Tricaricese, sita in via Albariños 3651 della località Lanús Est (Argentina), si è tenuta una cena per congedare la delegazione di Carovilli, con a capo Ludovico Falasca, che era arrivata nel mese di settembre per partecipare agli eventi della Settimana Molisana a Lanús.
Oltre a Falasca, Presidente Onorario dell’Associazione dei Carovillesi e Figli del Molise e sua moglie, Loreta Guerra, che sono stati gli ospiti omaggiati, ci sono stati anche il Sacerdote Padre Dario Guerra, parroco della Chiesa di San Giorgio di Lanús; il presidente della Società di Mutuo Soccorso Tricaricese e della Biblioteca Popolare Italiana, Francesco Piscinné; il Segretario di Cultura del Municipio di Lanús, José Durante; la direttrice della Scuola di Arti Plastiche del Municipio, Silvia Lezcano e la scultrice Marta Brea, insieme a suo marito i quali sono stati gli incaricati della realizzazione della statua di Santo Stefano del Lupo, benedetta nella Settimana Molisana e che attualmente si trova nella sede della Società Tricaricese in attesa di una definitiva dimora in una chiesa del nostro comune di Lanús.
Sono stati presenti anche i membri del Gruppo Folkloristico “Gioia d’Italia” e autorità dell’Associazione dei Carovillesi e Figli del Molise, i quali hanno organizzato quest’incontro. Inoltre, anche presenti integranti dell’opera di teatro “Gli ospiti”, il cui debutto si è tenuto nel giorno dell’apertura della Settimana Molisana a Lanús e anche familiari di Ludovico Falasca.
Francesco Piscinné ha iniziato la cerimonia, ha sottolineato le emozioni vissute in tutti gli eventi della Settimana Molisana e ha dato il benvenuto a tutti i concorrenti.
Subito dopo, il padre Dario Guerra ha benedetto la tavola e ha invitato tutti i presenti a recitare il paternostro in italiano, ringraziando principalmente tutto quello vissuto e soprattutto il momento che tutti si disponevano a condividere.
È stata una serata molto gradevole , condita con cibi caserecci della gastronomia italiana di tutte le regioni e vino preparato anche in maniera artigianale da vari dei concorrenti. Non sono mancate né la musica né le canzoni tipiche cantate da tutti i presenti con l’accompagnamento della fisarmonica suonata da Giuseppe (Yoso) Espósito.
Questa celebrazione è stato un momento di allegria per festeggiare la realizzazione degli obiettivi della Settimana Molisana, anche per ringraziare l’impegno di tutti coloro che hanno partecipato e specialmente quello del presidente onorario, e Falasca, che ha collaborato molto per ottenere la donazione di 185 kg. di libri per la Biblioteca, i quali sono stati spediti da Carovilli grazie alla sua gestione personale.
Dante Ricchiuti, ha ringraziato tutti per la loro presenza e ha sottolineato l’importanza della realizzazione di questo tipo di eventi che tendono a preservare i valori e le tradizioni ricevute dai nostri antenati e anche a diffondere la lingua e la cultura italiana.

(Norma Denardi, Silvia Ricchiuti, Antonio Di Giacomo)

<div class="

Precedente Interrogazione parlamentare sull'eolico selvaggio in Molise Successivo Torino, commedia dialettale dagli abruzzesi-molisani