Nuovo libro su Carovilli scritto da Petrocelli e Sferra



CAROVILLI (ISERNIA) – E’ in edicola un nuovo lavoro su Carovilli che si propone un approfondimento della storia e delle tradizioni molisane, “Miscellanea carovillese”, a cura di Edilio Petrocelli e Rita Sferra, edizioni IBC di Campobasso.
Il sottotitolo del libro, “Fatti – personaggi – curiosità”, rappresenta la sintesi della ricerca che, pur partendo da quella che è una piccola comunità, riflette i passaggi che hanno caratterizzato l’evoluzione economica e sociale del Molise e dell’Italia degli ultimi tre secoli. Grazie a documenti inediti tratti dagli Archivi di Stato di Campobasso, Foggia e Napoli, i curatori hanno dipinto un chiaro affresco che narra lo sviluppo della settecentesca Università di Carovilli e Ca-stiglione, l’acquisizione dei beni dopo l’eversione della feudalità, i passaggi che hanno condotto all’Unità d’Italia fino al brigantaggio, la raccolta delle testimonianze sul dramma delle due guerre mondiali, la centralità del lavoro nella comunità locale e all’estero, le diverse forme dialettali ereditate dal Terzo Millennio e le tradizioni culinarie.
Si tratta – come ha scritto il sindaco Antonio Cinocca – di una miscela di contributi che parlano “di luoghi, personaggi, curiosità, opere d’arte, architettura, urbanistica, consuetudini religiose ed eventi” che riscrivono le radici dei Carovillesi in Italia e all’estero.
Scritte da più autori, alcuni di essi già noti agli appassionati di storia molisana, come Antonino Di Iorio, Norberto Lombardi, Ettore d’Alessandro e Massimo Vitale, Betty Sacco, Tito Di Girolamo, Da-niele Rossi, Stefano Di Domenico, Eugenio Rossi, Pierino Rossi, Umberto Di Benedetto, Silvia Santi-ni, Mario Fangio.
Le pagine di questo libro parlano dei piccoli e grandi protagonisti della storia di un paese, dei suoi luoghi, dei suoi monumenti e delle opere d’arte, delle sue tradizioni popolari e religiose, della sua lin-gua e dei suoi prodotti tipici.
Scopo dei curatori di questa pubblicazione è stato quello di scoprire un percorso collettivo che, pur attraverso tante metamorfosi nei trascorrere dei secoli, è riuscito sempre a tutelare, custodire e a valo-rizzare la propria individualità.  

<div class="

Precedente Istat: leggero aumento per offerta posti di lavoro Successivo Cassazione: multa ai genitori per bimbi che disturbano i vicini