PIEMONTE/ Teatro del Sangro a Brà e Chieri (Torino)



PIEMONTE/ Teatro del Sangro a Brà e Chieri (Torino)

TORINO – La StagionEvento 2010 di Brà e Chieri rivoluziona l’idea di stagione teatrale, scegliendo un progetto culturale di “Stanzialità”: la città intera diventerà un luogo abitato dagli artisti.
Avranno quindi “residenza” artisti, compagnie, operatori culturali provenienti da tutta Italia, che decideranno di abitare nelle “Città del Teatro”. Vivranno durante un intera settimana nelle Città di Bra e di Chieri, dando vita ad una vera e propria formazione permanente, incontrando i loro nuovi concittadini per laboratori, letture, chiacchiere, perfomance e spettacoli.
Gli artisti ospiti incontreranno le scuole, la università, le associazioni e tutti coloro che vorranno partecipare ai laboratori, agli incontri, alle prove aperte, e agli spettacoli. ATTIVITA’ STANZIALI
– Lezioni Aperte, Incontri, Letture e Chiacchiere: le modalità differenti che ogni compagnia teatrale sceglie per affrontare un lavoro teatrale, la loro storia, le tecniche, la poetica.
– Laboratorio Teatrale: un lavoro con i giovani e meno giovani che vogliono approcciarsi all’arte del “fare teatro”.
– Prove Aperte: i bambini potranno entrare nel teatro durante le prove e il montaggio dello spettacolo, mentre il regista spiegherà loro la magia di ciò che sta per andare in scena
– La Partita Immaginaria: una settimana per raccontavi una storia, la storia di una partita di calcio che cambiò la vita di qualche migliaio di persone. Una vera partita fra i ragazzi di Bra e quelli di Chieri.
– Spettacolo Teatrale: finalmente il mosaico si compone e la magia del teatro viene portata sul palcoscenico, sapendo che a compierla sotto i nostri occhi sono i nostri nuovi concittadini residenti.
IL CALENDARIO / La Stanzialità di Teatro del Sangro
BRA
Martedì 20 Aprile
16.30 – 17.30: Lezione Aperta presso Centro Incontro, Via Montegrappa 1
20.30 – 23.00: Laboratorio Teatrale, presso Centro di Aggregazione Giovanile, Via Brizio 10
Giovedì 22 Aprile
17.00: Letture e Chiacchiere presso Museo del Giocattoli, Biblioteca Civica, Via Ernesto Guala 45
Venerdì 23 Aprile
Dalle 10.00: Prove aperte dello spettacolo alle Scuole
15.00 – 17.00: Lezione Aperta all’UNITRE, presso Aula Magna del Liceo Linguistico e Classico “Giolitti- Gandino”, Via F.lli Carando, 43
21.00: Teatro del Sangro presenta “Micchele Parì. Un Cameriere di Villa Santa Maria”, presso Teatro Politeama Boglione, Piazza Carlo Alberto
CHIERI
Sabato 17 Aprile
All’interno di “Di Freisa in Fresia. Un week end di Primavera tra vino, rubatà e prodotti tipici”, 17 – 18 Aprile
21.30: Faber Teater presenta “Donne e Patriarchi”, presso Sala della Conceria, Via della Conceria 2
Mercoledì 21 Aprile
Dalle 10.00: Prove aperte dello spettacolo alle Scuole
21.00: Teatro del Sangro presenta “Micchele Parì. Un Cameriere di Villa Santa Maria”, presso Sala della Conceria, Via della Conceria 2
Giovedì 22 Aprile
20.30 – 23.00: Laboratorio Teatrale, presso la scuola ArteStudio, Piazza Vincenzo Caselli 164 – 8 Maggio: Storia di una Partita di Calcio
Teatro del Sangro
MICCHELE PARI’ – Un cameriere di Villa Santa Maria
Dopo il successo dell’anno scorso de “Arturo lo Chef”, ritorna il secondo capitolo della trilogia della cucina. Villa Santa Maria, uno splendido paese della provincia di Chieti, è nota in Italia e nel mondo per essere “la patria dei cuochi”. Nel 1939 infine viene istituitolo prestigioso l’Istituto Professionale Alberghiero. In questo spettacolo teatrale Micchele Pavia, un giovane abruzzese dei giorni nostri, racconta la sua storia, l’avventura di un ragazzo che dall’ Istituto Alberghiero di Villa Santa Maria, sognando di diventare un grande cameriere,arriverà a lavorare in uno dei più famosi ristoranti di Parigi.
http://www.teatrodelsangro.it.
Teatro delle Forme – Residenza Multidisciplinare delle 2 Province
JUVE – NAPOLI 1-3
La presa di Torino
Il 9 Novembre del 1986 nel vecchio e glorioso Stadio Comunale di Torino, la partita di calcio Juventus – Napoli finì sorprendentemente 1 a 3…una divertente e appassionata storia di migrazioni, o forse solo l’occasione per un figlio di giocare nuovamente col proprio padre. Sicuramente vere però, sono le gesta di campioni come Tacconi, Cabrini, Laudrup o Garella, Bagni e De Napoli….e poi cera Lui, colui che non poteva essere nominato, forse perché si credeva non fosse umano, Lui…Diego Armando Maradona!

<div class="

Precedente ROMA/ Assemblea cittadina contro i Pup (parcheggi interrati) Successivo EVENTI/ Settimana della cultura: a Roma un'offerta ricchissima