ELEZIONI/ Lazio: tutti gli eletti alla Pisana



ROMA – Come sono distribuiti, tra le forze politiche, i seggi del nuovo parlamentino laziale (60% dei consiglieri alla coalizione vincente, 40% agli sconfitti)? Chi sono i 73 nuovi consiglieri della Pisana, 44 di maggioranza (più il presidente) e 29 di opposizione?
Nella maggioranza, la lista Polverini fa la parte del leone con 17 seggi. Poi c’è il “listino” con altri 14 eletti (quelli che entrano di diritto con la coalizione vincente). A seguire gli 8 del Pdl (la lista è stata presentata in tutte le province del Lazio, esclusa Roma), i 3 dell’Udc e i 2 della Destra.
Per l’opposizione, il Pd ha conquistato 15 seggi, l’Idv 5, la Lista Pannella-Bonino 2, Sinistra ecologia e libertà 2, un consigliere per Bonino presidente, Prc, Psi, Verdi e Lista civica.
I bocciati “eccellenti” nel Lazio appartengono soprattutto al centrosinistra. Tra gli assessori uscenti, rimangono a casa Daniela Valentini, ex dell’agricoltura (prima dei non eletti con 9.737 voti mentre il secondo dei non eletti è Piero Ambrosi con 9.170 preferenze), quindi Daniele Fichera e Alessandra Tibaldi, ex assessore al lavoro che paga probabilmente anche la co-gestione non proprio impeccabile del reddito minimo garantito. Fuori anche Augusto Battaglia (ex assessore alla sanità) con 6.712 preferenze e Alessio D’Amato, autore dell’inchiesta su Lady Asl, con 6.200 voti. Fuori anche l’ex consigliere Simone Gargano, ex Udeur e Idv, oggi al Pd.
Non ce l’ha fatta il regista Marco Bellocchio (lista civica Bonino) che a Roma e provincia è stato votato appena da 116 elettori e l’attrice Pamela Villoresi, che perlomeno ha preso 3.245 voti con la lista Polverini. Fuori anche la scrittrice Lidia Ravera, autrice di “Porci con le ali”, ferma a 874 con la lista civica per Emma Bonino, Vittorio Sgarbi (inutili le 2.188 preferenze) ed Ettore Viola.
Tra i socialisti passa solo Luciano Romanzi, lasciando fuori Gerardo Labellarte, Bobo Craxi (addirittura sesto con appena 812 preferenze) e il medico Roberto Petrassi, fermo a 621.
Buon numero di voti per Francesco Storace (15.174 preferenze) e per Margherita Hack, eletta con 7.205 voti nella lista Prc-Sinistra europea. Entra anche Giulia Rodano, già assessore con Marrazzo, approdata ora all’Idv. Pur non entrando, da segnalare le 3.112 preferenze conquistate da Alfredo Iorio con Il Popolo della vita.
Rocco Bernardo (lista Pannella-Bonino) potrebbe entrare in consiglio regionale perché Emma Bonino è stata eletta sia come candidato presidente della coalizione sconfitta sia come capolista della compagine omonima. Stessa situazione per Romolo Del Balzo (Pdl circoscrizione di Latina) che dovrebbe prendere il posto del senatore Claudio Fazzone.
Non mancano i primi ricorsi. In Ciociaria Maria Teresa Graziani della lista Polverini non ci sta (è distanziata di appena 60 voti dall’eletto) e chiede di riconsiderare circa 200 schede che le sarebbero state contestate in fase di spoglio. Annuncio di ricorso anche per Romolo Rea, Italia dei Valori, 2.708 preferenze, nei confronti dell’eletta Anna Maria Tedeschi, 3.028 preferenze, sempre in provincia di Frosinone.
Quattro candidati al consiglio regionale del Lazio non hanno ottenuto alcuna preferenza: quota zero per Antonio Condello (Partito dei pensionati), Laura Dominicis (Partito socialista), Giuseppe Filangeri (Udeur) e Maria Mitri (Il Popolo della vita).
Ecco l’elenco degli eletti nel Lazio:
Listino Polverini: Renata Polverini, Alessandra Mandarelli, Gina Cetrone, Isabella Rauti, Roberto Carlino, Carlo De Romanis, Giancarlo Miele, Francesco Pasquali, Annalisa D’Aguanno, Ernesto Irnici, Francesco Carducci Artemisio, Livia Nobili, Veronico Cappellaro, Rodolfo Gigli, Chiara Colosimo.
Lista Renata Polverini presidente (17 seggi): Mario Brozzi, Olimpia Tarzia, Giuseppe Melpignano, Francesco Saponaro, Luigi Abate, Alessandro Vicari, Maurizio Perazzolo, Gilberto Casciani, Nicola Illuzzi, Rocco Pascucci, Antonio Paris, Gianfranco Gatti, Angelo Miele, Andrea Bernaudo, Pino Palmieri, Enzo Di Stefano (Frosinone), Sciscione Gianfranco (Latina),
Pdl (8 seggi): Franco Fiorito (Frosinone), Mario Abbruzzese (Frosinone), Fazzone Claudio (Latina), Galetto Stefano (Latina), Di Giorgi Giovanni (Latina), Antonio Cicchetti (Rieti), Francesco Battistoni (Viterbo), Giancarlo Gabbianelli (Viterbo).
Udc (2 seggi): Piero Sbardella, Raffaele D’Ambrosio, Aldo Forte (Latina).
La Destra (2 seggi): Francesco Storace, Roberto Bonasorte.
Pd (15 seggi): Bruno Astorre, Esterino Montino, Carlo Ponzo, Marco Di Stefano, Claudio Mancini, Mario Mei, Enzo Foschi, Carlo Lucherini, Franco Dalia, Mario Di Carlo, Tonino D’Annibale, Francesco Scalia (Frosinone), Claudio Moscardelli (Latina), Mario Perilli (Rieti), Giuseppe Parroncini (Viterbo).
Idv (5 seggi): Vincenzo Maruccio, Claudio Bucci, Gianni Colagrossi, Giulia Rodano, Annamaria Tedeschi (Frosinone).
Lista Pannella-Bonino (2 seggi): Emma Bonino, Giuseppe Rossodivita.
Sinistra, ecologia e libertà (2 seggi) Luigi Nieri, Filiberto Zaratti.
Lista civica per Bonino (1 seggio): Giuseppe Celli.
Prc-Sinistra europea-Pdci (1 seggio): Margherita Hack.
Partito socialista (1 seggio): Luciano Romanzi.
Verdi (1 seggio): Angelo Bonelli.

<div class="

Precedente ELEZIONI/ Roma: ecco tutte le preferenze Successivo ROMA/ Centralità piano regolatore c'è allarme cemento