LAVORO/ Ecco i concorsi 2010 per 2mila posti al Comune di Roma



ROMA – Il “concorsone” comunale tanto atteso è stato bandito. Sulla Gazzetta ufficiale (quarta serie – speciale concorsi) numero 15 di martedì 23 febbraio sono riportati i 22 bandi per complessivi 1.995 posti di lavoro nella macchina comunale del Campidoglio. Un vero e proprio “evento” atteso da centinaia di migliaia di romani – e non solo -, candidati pronti ad un’estenuante maratona con in premio il tanto agognato posto di lavoro pubblico. I bandi sono pubblicati anche all’Albo Pretorio del Comune e, on-line, nel nostro portale del Comune di Roma (www.comune.roma.it), nelle pagine del Dipartimento Risorse Umane.
I nuovi concorsi riguardano oltre venti figure professionali, dagli amministrativi ai dietisti, dai vigili urbani alle maestre. Il bando riporta l’elenco dettagliato delle figure. Per presentare la domanda di partecipazione, da inviare tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, c’è tempo fino al 25 marzo. Le richieste vanno inviate all’Ufficio Protocollo del Dipartimento Risorse Umane, in via del Tempio di Giove 3, 00186 Roma.
Questi, nel dettaglio, tutti i concorsi banditi:
– 197 posti di esperto sviluppo servizi informatici e telematici;
– 25 posti di esperto controllo di gestione;
– 7 posti di esperto normativa in materia di lavori pubblici e finanza di progetto;
– 5 posti di esperto gestione delle entrate;
– 3 posti di esperto in merceologia delle derrate agroalimentari.
Per questi profili professionali sono richiesti: laurea e titolo di specializzazione post laurea, attinenti al profilo messo a concorso.
– 136 posti di architetto;
– 87 posti di ingegnere.
Per questi profili è richiesta la laurea e il superamento dell’esame di Stato per l’esercizio della professione.
– 110 posti di funzionario amministrativo;
– 57 posti di dietista;
– 50 posti di funzionario processi comunicativi e informativi;
– 43 posti di funzionario delle biblioteche;
– 20 posti di curatore storico dell’arte;
– 19 posti di statistico;
– 14 posti di curatore archeologo;
– 10 posti di funzionario economico-finanziario;
– 4 posti di geologo;
– 3 posti di restauratore conservatore.
Per questi profili professionali è richiesta la laurea attinente.
– 300 posti di istruttore amministrativo (titolo di studio richiesto: qualunque diploma di scuola secondaria);
– 300 posti di istruttore polizia municipale (titolo di studio richiesto: qualunque diploma di scuola secondaria; età massima per partecipare, 36 anni);
– 300 posti di insegnante scuola dell’infanzia (titolo di studio richiesto: laurea in scienze della formazione primaria o titolo abilitante all’insegnamento, per legge conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002);
– 155 posti di istruttore economico, (titolo di studio richiesto: diploma di maturità tecnico-commerciale – ex ragioneria);
– 150 posti di istruttore servizi culturali, turistici e sportivi (titolo di studio richiesto: diploma di maturità classica, scientifica, artistica, tecnica per il turismo).
I titoli che faranno punteggio: per i concorsi di categoria D (esperti, architetti, funzionari, curatori) le seconde lauree, i master, l’esperienza già acquisita nella pubblica amministrazione, le pubblicazioni (attinenti al profilo messo a concorso).
Per i concorsi di categoria C (istruttori e insegnanti scuola infanzia) la laurea, i master, l’esperienza nella pubblica amministrazione e le pubblicazioni attinenti.
Considerato l’obiettivo di modernizzare la macchina comunale, per la prima volta nella storia del Comune di Roma saranno assunti “esperti” come economisti, informatici e telematici.
“Ai concorsi che richiedono la laurea – spiega l’assessora alle Risorse umane, Enrico Cavallari – può partecipare sia chi ha il titolo triennale sia i laureati ai corsi di 4-5 anni del vecchio ordinamento. Nessun limite di età previsto, salva l’età pensionabile. Unica eccezione: un massimo di 36 anni per gli aspiranti istruttori di polizia municipale”.
Oltre ai 1.995 posti da nuovi concorsi, verranno aggiunti 215 unità provenienti dagli uffici di collocamento (in prevalenza per mansioni legate all’ambiente) e 400 idonei all’ingresso nella Polizia Municipale e 712 scorrimenti di diverse graduatorie. Il totale delle nuove assunzioni sale dunque a 3.322 e rispetta le previsioni della pianta organica 2010-2012.
L’intera manovra sul personale riguarderà in totale seimila dipendenti tra nuove assunzioni, pensionamenti, progressioni e riqualificazioni interne. Oltre a reperire nuove leve, infatti, l’altro obiettivo è riqualificare chi già lavora al Comune, dato che impiegati e funzionari preparati e aggiornati, ha ribadito di recente l’assessore, sono “garanzia di efficienza, snellimento burocratico e miglior servizio al cittadino”.
Sul numero del periodico “Roma Giovani” questa settimana in edicola, Pierino Vago firma un’interessante intervista ad Alessandro Marchetti, segretario del Sulpm, il sindacato della polizia municipale. Il funzionario offre interessanti informazioni sulla categoria, nonché qualche consiglio per chi intende affrontare il concorso. Nello stesso giornale sono pubblicati 260 quiz per la preparazione al concorso.

(Maria Di Saverio – 23 febbraio 2010)

<div class="

Precedente MOSTRE/ A Roma, Ara Pacis, l'omaggio a Fabrizio De Andrè Successivo SANREMO/ La banda dei sardi