TREND/ A Milano arriva “il Capestrano” nuovo ristorante “made in Abruzzo”



MILANO – Un nuovo ristorante “di lusso” con prodotti abuzzesi. Aprirà l’11 febbraio a Milano “Il Capestrano”, locale che propone, in un ambiente caldo e raffinato, piatti sapientemente rielaborati della cucina tipica abruzzese.
Il nome è stato scelto in onore dell’antico guerriero rinvenuto a Capestrano; paese in provincia dell’Aquila e risalente al VI secolo avanti Cristo. Il ristorante sito in una palazzina stile liberty dei primi del ‘900 in via Gian Francesco Pizzi a Milano (zona via Ripamonti) ha un’atmosfera elegante, confortevole nella sua semplicità ed essenzialità dove si alternano muri con mattoni a vista, a pareti colorate di giallo e bordeaux; parquet e soffitto a cassettoni originale rendono l’atmosfera di questo locale particolarmente accogliente. Sapienti giochi di luce creano ambienti rilassanti e piacevoli che esaltano il sapore dei piatti.
Il Capestrano, con la sua proposta di cucina tipica abruzzese non è, e non vuole essere solo espressione delle tipicità di un territorio, ma si propone di valorizzarne le materie prime, che diventano, grazie all’interpretazione dello chef, piatti d’autore. Dominano nei piatti abruzzesi spezie e aromi, tra cui troviamo il famoso zafferano dell’altopiano di Navelli.
La cucina propone piatti che si rifanno alla tradizione regionale, materie prime e tradizioni contadine sono alla base delle proposte che vedono la presenza di gusti forti e genuini, ma anche di pasta fatta in casa: famosi sono i “maccheroni alla chitarra”, proposti con sugo di castrato e scaglie di pecorino; “cif e ciaf” (piatto originariamente fatto in occasione dell’uccisione del maiale); “agnello con carciofi e zafferano di Navelli”; arrosticini; salumi e formaggi di produzione locale. Un angolo della cucina si propone “a vista nella sala” con griglia a carbone e zona salumi e formaggi, ovviamente del territorio. Come dolci vengono proposti “Il Parrozzo” (dolce fatto con mandorle ricoperto di cioccolato) e le “Pizzelle” dolce semimorbido ripieno di marmellata d’Uva. Il tutto accompagnato da vini e liquori tipici come la Genziana, il Nocino, e il particolare liquore allo zafferano.La ricerca di piatti particolari gustosi e piacevoli anche alla vista è il risultato di un’accurata selezione di proposte elaborate dallo chef Peppino Pizzica, giovane e creativo, proveniente da uno degli istituti alberghieri più rinomati e antichi d’Italia, Villa Santa Maria, Chieti.

Ristorante “Il Capestrano”
Via Gian Francesco Pizzi, 14
20141 Milano
Tel 025693345 Fax 0256610579
e-mail [email protected]
www.ilcapestrano.it
Giorno di chiusura Mercoledì
Orari di apertura: pranzo 12-14.30 Cena 19,30-22.30
Prezzo medio esclusi i vini € 40,00  

(Alessandro Neumann – febbraio 2010)

<div class="

Precedente ESEMPI/ I cittadini estratti a sorte dicono la loro sul paesaggio Successivo MOSTRE/ Charlotte Bonaparte, dama di molto spirito