ROMA/ Musica “molisana” alla Scuola di Testaccio



ROMA – Sabato 28 novembre 2009, dalle ore 21.15, presso la Scuola di Musica Popolare di Testaccio – Sala Concerti (Piazza Giustiniani 4/a), ex Mattatoio, nell’ambito della rassegna “Contaminazioni” avrà luogo un concerto del duo Claudia Bombardella e Silvio Trotta (molisano di Capracotta) intitolato “La danza delle dita”.
Claudia Bombardella si esibirà con voce, sax baritono, clarinetti, fisarmonica, steel drum, mentre Silvio Trotta con chitarra, bouzouki, mandolino, chitarra battente, voce, tamburello.
Lo spettacolo offrirà esplorazione in differenti ambiti musicali e culturali prevalentemente della tradizione mediterranea. Una ricerca condotta da due musicisti virtuosi ed eclettici che, viaggiando da un Paese all’altro senza sosta in una continua metamorfosi musicale, volteggiano fra diversi periodi storici anche molto distanti fra loro.
I due musicisti si attengono rigorosamente ai diversi stili delle civiltà che attraversano, seppur con grande libertà espressiva e di sviluppo, mantenendo intatto lo spirito specifico di ogni cultura. Il delicato uso della voce volteggia fra gli stili spaziando e giocando con i timbri più disparati in continuo dialogo con gli strumenti. In questo modo il concerto si snoda, scorre attraversando spazi di struggente armonia (melodie passionali della tradizione italiana, armena, ungherese, ebraica, ecc.), attraversando territori di scontro fra ritmi incalzanti e scatenati della tradizione balcanica, bretone, fino alla creazione di quadri di sapore “felliniano”. Così le dita dei musicisti danzano sugli strumenti, rincorrendosi, scontrandosi, intrecciandosi fra di loro con la libertà e il rigore propri dei giocolieri, raccontando storie musicali archetipe, danze tradizionali (tarantelle, ballate, ningun, onga, scottish, ecc.) canti di guarigione, canti d’amore e d’attesa, danze rituali dei festeggiamenti. Le composizioni e gli arrangiamenti del duo si muovono fra i ricordi delle tradizioni ed evocano paesaggi mirabolanti in un linguaggio chiaro e sensibile.
Ingresso € 10,00.
Ridotto € 5.00 per gli iscritti alla scuola.

<div class="

Precedente ROMA/ All'hotel Westin l'asta internazionale del tartufo Successivo INFLUENZA A/ Primo morto in Molise. A Campobasso spira obeso di 300 chili