Cnel: urge ricambio generazionale



ROMA – “Urge ricambio generazionale” è il primo rapporto sul rinnovamento delle classi dirigenti del nostro Paese.
La ricerca, promossa dal Forum Nazionale dei Giovani insieme al Cnel, affronta il nesso tra mobilità sociale e questione giovanile, monitorando la presenza dei giovani nelle rappresentanze istituzionali e in alcuni settori chiave della cultura e del mondo del lavoro.
Il quadro che ne emerge non è incoraggiante: i giovani italiani, seppur capaci e meritevoli, faticano ad affermarsi professionalmente e ad emanciparsi in modo compiuto dalla propria famiglia prima dei quarant’anni. Né, data la fermezza con la quale la classe dirigente nostrana difende le posizioni acquisite, possono vantare una presenza significativa nelle posizioni di vertice della vita politica, economica e sociale del paese.
Il rapporto si sofferma sul mondo politico, universitario e sugli ordini professionali: giornalisti, medici, avvocati, notai. Le traiettorie occupazionali dei giovani italiani dimostrano la precarietà del lavoro e le difficoltà di affermazione per giovani professionisti: oltre un collaboratore su due ha meno di 35 anni.
Difficilmente si tratta di contratti di ingresso, poiché la trasformazione delle collaborazioni in contratti a tempo indeterminato non è affatto la norma: il 73,1% dei giovani che alla fine del 2006 erano assunti con un contratto di collaborazione, a distanza di un anno erano ancora nella stessa posizione.
Il passaggio al lavoro dipendente è diventato realtà solo per un giovane collaboratore su cinque (22,6%); peraltro questo passaggio per circa la metà dei neodipendenti ha significato accontentarsi di un contratto a tempo determinato.
In pratica, nell’arco di un anno, solo un collaboratore su dieci è entrato a pieno titolo nel mondo del lavoro standard, ottenendo un contratto a tempo indeterminato. La preponderanza dei contratti a termine ha delle intuibili ricadute sui percorsi professionali: le carriere si allungano e chi ha un percorso lavorativo molto frammentato ogni volta è costretto a ricominciare dalla base della piramide, rimanendo di fatto escluso dalle posizioni di vertice. Il Cnel, che segue da sempre con particolare interesse le problematiche dei giovani rappresentandone i loro bisogni, intende con la presentazione di questa ricerca organizzare un momento importante di riflessione, alla luce anche della gravissima crisi economica mondiale, da cui far emergere non solo le criticità del sistema ma soprattutto le possibili soluzioni adatte a dare speranza ai giovani.

<div class="

Precedente Drogati di computer Successivo Insonnia: colpisce 12 milioni di italiani