Aci: il traffico ci costa 40 miliardi



ROMA – I romani trascorrono quasi due ore al giorno in auto, per un totale di circa 500 ore l’anno in auto. Metà di questo tempo se ne va in code e rallentamenti che costano al singolo automobilista 650 euro l’anno. Il tempo perso nel traffico costa alla Capitale oltre 900 milioni di euro. Le cifre per Milano sono analoghe, un po’ meglio va a Torino (le ore scendono a 450) e a Genova (380). Globalmente il tempo perso in città a causa del traffico e della congestione stradale costa ogni anno agli automobilisti italiani oltre 40 miliardi di euro.
E’ quanto emerge da una stima dell’Automobile club d’Italia, elaborata su rilevazioni dirette effettuate a gennaio e sull’analisi dei dati provenienti dai dispositivi di localizzazione gps installati a bordo dei veicoli assicurati con polizze satellitari.
L’indagine è stata illustrata durante la presentazione, da parte del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e dal presidente dell’Aci, Enrico Gelpi, della Centrale di Informazione sulla mobilità stradale “Luce Verde-Infomobilità Roma”, innovativo servizio di pubblica utilità realizzato dall’Automobile club d’Italia in collaborazione con la polizia municipale del Comune di Roma.
“Luce Verde è una iniziativa unica in Italia – spiega il presidente dell’Aci, Enrico Gelpi – e rappresenta un modello di collaborazione da replicare sul piano nazionale. Sono state superate tutte le criticità che hanno limitato l’efficacia di molti canali informativi sorti in questi anni e dedicati alle condizioni del traffico nei centri urbani. La gratuità del servizio e le enormi potenzialità della centrale pongono Roma tra le città più avanzate in Europa per le informazioni sulla viabilità, con benefici diretti per la sicurezza stradale, l’ambiente, la qualità della vita e l’economia”.
Il valore economico del tempo trascorso da 1,9 milioni di automobilisti romani all’interno della propria vettura è infatti pari a 1.300 euro annui, e la metà di questi sono inutilmente sprecati in code e rallentamenti che costano alla Capitale oltre 900 milioni di euro. La nuova centrale di Informazione sulla mobilità stradale a Roma potrebbe ridurre del 40% la congestione urbana, per un risparmio superiore ai 350 milioni di euro in termini di minor tempo trascorso in auto.
La forza di “Luce Verde – Infomobilità Roma” è nella raccolta puntuale delle informazioni, nella loro validazione ed elaborazione, e nella relativa diffusione attraverso una moltitudine di canali di comunicazione. A monte del sistema ci sono oltre 6.400 uomini della polizia municipale di Roma, che nel loro presidio continuo del territorio forniscono un flusso costante ed aggiornato di informazioni sul traffico e sugli elementi di criticità della viabilità.
Nella centrale allestita presso l’Aci vengono monitorati i punti nevralgici della rete stradale urbana attraverso 50 telecamere, e realizzati bollettini audiovideo e testi da inserire su una piattaforma applicativa accessibile via internet.
L’efficacia della comunicazione è garantita da oltre 20 radio e tv locali, abilitate alla consultazione continua della piattaforma web, che diramano frequenti notiziari sul traffico.
I cittadini hanno informazioni sempre aggiornate sul traffico anche attraverso il sito www.roma.luceverde.it, dove possono pianificare il proprio tragitto urbano con un quadro aggiornato degli eventi sul percorso.

<div class="

Precedente De Rita: la crisi è "politeismo delle paure" Successivo Imprese degli immigrati a quota 165mila