Concluso il concorso “Mirabello in musica”



MIRABELLO (CAMPOBASSO) – Si è concluso domenica scorsa il 3° Concorso nazionale per giovani talenti Mirabello in Musica, organizzato dall’Associazione Musicale Doppio Diesis di Mirabello Sannitico. In questa terza edizione, circa una novantina sono stati i concorrenti, arrivati a Mirabello da diverse regioni italiane, tutti accomunati dalla passione per la Musica. Bambini, ragazzi e giovani fino a 30 anni si sono cimentati da mercoledì 19 a domenica 23 maggio con la chitarra, con il pianoforte e con tanti altri strumenti che hanno costituito varie e variegate formazioni musicali, 12 in tutto, dal duo al quartetto (Fagotto e Pianoforte – Violino e Pianoforte – Duo di Violini – Flauto e Chitarra – Quartetto Flauto, Clarinetto, Clarinetto, Fagotto – Sassofono e Pianoforte – Quartetto di sassofoni – Quartetto d’archi – Pianoforte a 4 mani – Clarinetto e Pianoforte – Flauto e Pianoforte – Mandolino e Chitarra).
Il Concorso, infatti, prevedeva tre sezioni: Chitarra, Pianoforte, Musica da Camera e diverse categorie, per fasce di età.
Davanti a tre diverse commissioni e a un pubblico sempre attento e presente, i concorrenti hanno affrontato le audizioni con grande concentrazione eseguendo musiche dal ‘600 al ‘900.
Il direttore artistico del Concorso – M° Angelo Baranello – ha invitato a presiedere le commissioni esaminatrici, formate da valenti musicisti italiani, il pianista aquilano Carlo Grante, uno dei più attivi e apprezzati pianisti della discografia contemporanea e nome noto alla critica internazionale. L’attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in importanti istituzioni concertistiche e sale di prestigio in Italia e all’estero: Londra, New York, Gewandhaus di Lipsia, Semperoper di Dresda, Konzerthaus e Musikeverein di Vienna, Chicago, Roma, Milano, Hong Kong, Singapore, Hanoi, Zagabria, Bucarest, Lima, Rio de Janeiro, ecc.
A margine del Concorso, poi, Carlo Grante ha tenuto una Conferenza-Concerto dal titolo “Un’ora con Scarlatti”, un interessante momento di approfondimento sullo stile compositivo del musicista partenopeo, di cui Grante sta realizzando a Vienna la registrazione integrale delle Sonate – circa 560 – (un progetto nato sotto il patrocinio di Boesendorfer e Badura-Skoda).
Al Concorso sono stati assegnati 15 primi premi, 14 secondi premi, 14 terzi premi, a testimonianza dell’elevato livello qualitativo dei partecipanti. In particolare, si sono distinti con il primo premio assoluto e con le relative Borse di Studio: il campobassano Giorgio Eliseo, 10 anni, studente di chitarra da appena un anno (98/100); Giuseppe Santarella, 10 anni, pianoforte, di Corato (BA) (98/100); Antonio Sensale, 11 anni, pianoforte, di Napoli (98/100) ed il duo pianoforte a 4 mani formato da Stefania Argentieri, 20 anni e Giampaolo Argentieri, 23 anni, di Brindisi, i quali, nonostante avessero un’età che rientrava nella categoria B di Musica da Camera, fino a 24 anni, hanno voluto partecipare alla categoria superiore avendo la meglio sulle altre formazioni, molto agguerrite e di elevato livello artistico.

<div class="

Precedente Appuntamento teatrale Successivo Weekend "in giallo" con la Sagra della frittata