Una “perla” a Civitacampomarano (Cb)… 



Una "perla"
a Civitacampomarano (Cb)… 

CIVITACAMPOMARANO (CAMPOBASSO) – L’ultima denuncia dell’architetto Franco Valente riguarda il borgo di Civitacampomarano, importante – tra l’altro – per aver dato i natali all’intellettuale Vincenzo Cuoco, tra i più arguti storici del nostro Mezzogiorno. Non a caso ospitiamo la sua opera più celebre nella sezione "libri" del nostro sito.
Già ci siamo occupati, in passato, del restauro della casa dello scrittore. Un’abitazione su cui già intervenne nel 1905 l’Amministrazione Provinciale di Campobasso, evidenziando saggiamente che la grandezza di quell’uomo era inversamente proporzionale alla umiltà della casa in cui era nato.
Questa la lapide che ancora sopravvive:
 

IN QUESTA UMILE CASA
NACQUE IL PRIMO OTTOBRE 1770
VINCENZO CUOCO
SCAMPATO DALLE FORCHE DEL 1799
NELL’ESILIO
NARRO’ LE LOTTE FRA PRINCIPATO E REPUBBLICA
CON PAROLA SERENA ED AMMONITRICE
MA CALDA DEL SANGUE DEI MARTIRI
RISALENDO ALL’ANTICHISSIMA FILOSOFIA ITALICA
E DIVULGANDO GIAMBATTISTA VICO
VOLLE RESTAURATO IL SAPERE E LE VIRTU’ PATRIE
IL 13 DICEMBRE 1823 MORI’ IN NAPOLI
FRA IL SILENZIO DEGLI OPPRESSI
IL SUO PRESAGIO
FU STORIA
DELLA NAZIONE RISORTA

LA PROVINCIA
CON ORGOGLIO DI MADRE
IL 1905

Ora Valente giustamente mette in rilievo qualcosa di assolutamente incredibile.
Come al solito le immagini parlano da sole. 
Da evidenziare la cosiddetta scala di sicurezza che è stata realizzata nel pubblico vicolo laterale.
Ma possibile che la Sovrintendenza autorizzi simili "opere d’arte"?

 

 


 

<div class="

Precedente Colavita (olio) su "Repubblica" Successivo Repubblica: parentopoli molisana