Solidarietà a Dacia Maraini



Solidarietà a Dacia Maraini

Siamo in un periodo di profonda crisi che investe i valori in cui intere generazioni come la nostra si sono formate in campo umanistico, scientifico ed artistico.
Se una scrittrice dal talento indiscutibile e dalla fama internazionale come l’amica Dacia Maraini è costretta a rinunciare al suo Festival del Teatro a Gioia dei Marsi dopo 13 anni, anche dopo averlo reso itinerante, dobbiamo domandarci dove abbiamo fallito a livello di politiche culturali e sociali.
Certo ci siamo adoperate a creare reti che hanno sostenute le nostre pratiche che dopo la liberazione della donna hanno permesso di rendere possibile l’attuazione di progetti alti, dove quasi sempre l’azione volontaristica di intellettuali, operatori culturali ed artisti invogliavano a continuare in una prassi che in nessun paese europeo sarebbe consentita.
Intendo dire che al di là dei piccoli contributi dati generosamente da istituzioni locali, tutto si basa sulla passione per la cultura, sulla capacità di fare di questo indotto una forza da tramandare.
Avendo visto come l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli si areni nella sua necessità di trovare luoghi per 350 mila volumi che rischiano la dispersione, possiamo tranquillamente sostenerci a vicenda cara Dacia, in questo magma che fa della cultura l’ultimo baluardo possibile eppure una delle ultime catastrofi per l’umanesimo e per una nuova rinascita se non avremo luoghi in cui esprimerci liberamente e democraticamente.
Senza cultura e senza pratiche dove porteremo la nostra capacità di analisi, di confessione, di lavoro, la nostra politica e i nostri ideali?
Deve nascere un movimento civile di ribellione e la ricerca anche di dar voce agli intellettuali e le intellettuali che hanno arricchito la nostra storia e memoria, risvegliando ad una nuova vita la nostra tradizione culturale ormai irrigidita dalle regole di una società burocraticamente organizzata e finalizzata all’ideale del profitto economico.
Questo discorso vale per tutti i paese del mondo che si prefiggano lo scopo di realizzare una cultura libera da schemi precostituiti, all’insegna di una solidarietà che sia garanzia di pace e di azione.
La scrittura ed il teatro consentono di arricchire la nostra vita. E vorrei in questa occasione ricordare Pier Paolo Pasolini che a distanza di tanti anni dalla sua morte lascia che attraverso la ricezione della sua opera si producano ancora oggi stimoli, punti di vista, aggiornamenti critici variegati e direi necessari. La sua odissea è la nostra, e come dimenticare le sue parole e la sua urgenza che testimoniano l’essere precursore di tutto ciò che sarebbe accaduto e che accadrà.
Non desideriamo abbandonarci alla nostalgia ma desideriamo esprimere alla scrittrice Maraini la nostra vicinanza fattiva.
Le lotte si conducono insieme quando cerchiamo una nuova genesi.
Il tuo lavoro deve continuare per le generazioni che verranno e perché non desideriamo essere dimezzati ecco che il teatro diventa con te ” teatro di poesia.” Ecco allora perché intravediamo accanto al teatro tutti gli altri linguaggi a pari merito e solo allora saremo artefici di un cambiamento.
Esther Basile – Delegata Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli
Firmano per Dacia Maraini
Gerardo Marotta – Presidente Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli
Marinella De Nigris – Console del Canada in Italia
Imma Ascione – Direttrice Archivio di Stato di Napoli
Mauro Giancaspro – Direttore Biblioteca di Napoli
Luisa Storchi – Direttrice Soprintendenza Archivistica per la Campania
Maria Rosaria Rubulotta – Dirigente medico Istituto Pascale
Anna Maria Ackermann – attrice
Maddalena Crippa – attrice
Milena Vukotic – attrice
Arnolfo Petri – attore
Lucia Stefanelli – attrice e saggista
Elio Pecora – poeta
Barbara Alberti – scrittrice
Marosia Castaldi – scrittrice
Matilde Tortora – storica del cinema e saggista
Anna Forgione – storica del Cinema
Maria Rosaria De Divitiis – Presidente FAI Campania
Gioconda Marinelli – scrittrice – Museo delle campane di Agnone
Maria Stella Rossi – scrittrice
Brigidina Gentile – Biblioteca del Senato
Lucia Daga Scuncio – Castello di Prata
Le Poete della Tenda Berbera – Progetto Mediterraneo
Rita Felerico – poeta
Cinzia Caputo – psichiatra
Maria Teresa Caporaso – psichiatra
Susanna Canessa – musicista
Marcello Appignani – Musicista
Patrizia Lopez – Musicista
Wanda Marasco -Premio Montale e Bagutta
Nicola Rando – Musicista
On.Luisa Bossa
Tiziana Bartolin i- Giornalista Noi Donne
Carmela Maietta – Giornalista IL MATTINO
Fondazione Basso – Roma
Imma Pempinello – scrittrice
Emanuela Spedaliere – Teatro San Carlo
Laura Valente – Teatro San Carlo
Giovanni Allevi – musicista
Aldo Masullo – filosofo
Boghos Zekjan – studioso e saggista armeno
Le pittrici e i pittori Silia Pellegrino- Roberta Basile- Giovanna Piromallo- Cesare Gabolini
Simone Zaccarella
UDI Napoli
Roberta Isidori – avvocato di Narni
Suor Giovanna Cocco – Priora a Torino Istituto Sant’Anna
Madre Miriam Benedict – Priora Abbazia di San Vincenzo al Volturno
Maria Santucci – Bibliotecaria di Castel di Sangro
Pasqualino Del Commuto -Sindaco di Pescocostanzo
Sindaco di Castel di Sangro – Umberto Murolo
Nico Romito-Chef – Casadonna Reale
Maria Rosaria Matelli-
Editore Ianieri
Editore Avagliano
Editore Tullio Pironti
Editore Guida
Associazione la Fraterna l’Aquila
Ordine di San Giorgio di Borgogna
Sonia Paglia – giornalista
Biblioteca di Sulmona
Associazione La Clessidra – Castel di Sangro e Consulta dei giovani
Agenzia promozione culturale di Castel di Sangro
Libreria Il bosco delle storie- Castel di Sangro – Giordana Vaineri
Università Libera Età di Castel di Sangro e Collegio Docenti Istituto Comprensivo
Teatro Francesco Paolo Tosti – Castel di Sangro
Ida Di Ianni – Editrice Volturnia
Franco Valente – Archeologo di Venafro
Roberto Nini – Archeologo di Narni
Federico Marazzi – archeologo e dirigente scavi – San Vincenzo al Volturno
Ezio Mattiocco – Direttore Museo Civico Aufidenate
Associazione Archeoclub – Castel di Sangro
Archeoclub Alfedena – Iacobucci Erika
Ileana Schipani -Sindaco Comune di Scontrone
Sindaco di Rivisondoli – Roberto Ciampaglia
Società delle Storiche
Società delle Letterate – Monica Farnetti
Società delle Filosofe
Associazione Eleonora Pimentel di Napoli
Associazione Forche Caudine (Molisani a Roma) – Roma

<div class="

Precedente "Molise, un'altra Storia", bilancio che invita a riflettere Successivo Formez PA e l'impegno per il Molise: la parola d'ordine è "fare sistema"