La fine der monno



La fine der monno (seconno i media)
Ve devo confessà, m’ero ‘mpaurito
ner sentì sti cialtroni alle tivvù
che parlaveno der monno ch’è finito,
che dar ventuno nun esiste più.
Ma come, dico, sarà mai possibile
che tutto er bene e er bello der Creato,
tutta la scienza e tutto quer che è scibile
finisce a ‘n tratto cor morì ammazzato?
Su, fateme er piacere, stateve zitti;
pensate, ‘nvece, a le ferite inferte
(lasciamo er ruolo comico a li guitti),
a li scempi e a li stupri alla Natura inerte.
E pensate, piuttosto, a come se po’ fa’
a mantenè er decoro naturale
der territorio che nun se po’ toccà,
come ce dice la norma costituzionale.

(Gianluigi Ciamarra)

<div class="

Precedente Riforma della Difesa, un Natale "armato" Successivo Per la convergenza di tutti i progressisti