Vitalizi, pagina orrenda



Il Consiglio regionale del Molise ha approvato la legge che ripristina i vitalizi per gli ex consiglieri regionali, cancellando così con un colpo di spugna la riduzione decisa solo a gennaio.
Oggi il Consiglio regionale ha scritto una pagina orrenda. Dimostrando ancora una volta che la Casta difende se stessa e se ne frega della crisi che sta massacrando le fasce più deboli della popolazione, oltretutto in un momento in cui i poteri del Consiglio sono limitati per effetto della sentenza della magistratura amministrativa.
Io prendo le distanze, ancora una volta, da questi comportamenti e rivendico con fierezza il mio voto contrario. Invece di preoccuparsi della rapida approvazione di provvedimenti in favore dei giovani, dei disoccupati, degli esodati, di quanti sono rimasti esclusi dagli ammortizzatori sociali, di quanti hanno perso il lavoro, di quanti attendono l’approvazione del reddito di cittadinanza, il Consiglio regionale si occupa del ripristino dei vitalizi per gli ex Consiglieri sul presupposto che da questi sarebbe arrivata una diffida. Altro che diffide! I cittadini farebbero bene a mandare a quel paese una classe pseudo-dirigente che in un momento come questo si preoccupa della Casta e non degli interessi di tutti i cittadini.
Su temi come la riduzione dei costi della politica, non accettiamo compromessi: le battaglie o si fanno o non si fanno. Noi abbiamo scelto di farle fino in fondo mettendoci come sempre la faccia, come è stato per i rimborsi elettorali a cui abbiamo rinunciato in totale solitudine, e non invece di fare soltanto annunci.

Massimo Romano
consigliere regionale del Molise (“Costruire democrazia”)

<div class="

Precedente Draghi e lo spread Successivo L'Europa ci sta sottraendo anche la sovranità alimentare