La rivolta di Spartaco



Saghe contemporanee pregne di sintomi premonitori.
Spartacus con tendenze anoressiche, insieme ad un drappelletto di oppressi dissidenti guidati da un portavoce che di mestiere fa il portavoce, si ribella all’Imperatore dell’amore, al quale ora gli girano di brutto.
Dalle Terre del Nord, il semi-monarca dei Celti, autista del Carroccio, sfodera avvertimenti che suonano come tetre divinazioni e lugubri presagi.
Ma per ora il grido di battaglia è semplicemente “temporeggiamento”.
Nel Belpaese reale, del resto, troneggiano Balotelli e Belen.

<div class="

Precedente Susi Fantino (SeL) "recluta" l'ex manager della Tav Successivo Appello per Carlo Modestino