Sempre più poveri (ma non in Molise)



Sempre più poveri (ma non in Molise)

Una famiglia su sei non “arriverebbe” a fine mese. Dato che cresce in tutta Italia. Ad eccezione del Molise. A rilevarlo è l’Istat in base ad un’indagine effettuata nell’ultimo trimestre del 2008 su un campione di circa 21mila famiglie (oltre 52mila individui).
La percentuale di famiglie che non arrivano a fine mese toccherebbe oggi il 17% in media contro il 15,4% di un anno fa. Le difficoltà economiche avrebbero poi impedito al 18,2% delle famiglie di acquistare abiti necessari (contro il 16,9% dell’anno prima). L’11,9% (nel 2007 era l’8,8%) non sarebbe invece riuscito a pagare regolarmente le bollette. Quasi un terzo delle famiglie (31,9%) ha poi riferito di non essere in grado di far fronte a una spesa imprevista di 750 euro con risorse proprie.
Se è il Sud a soffrire maggiormente (tra il 2007 e il 2008, aumenta in misura significativa la percentuale di famiglie che arriva con molta difficoltà a fine mese: dal 22 al 25,6%), al contrario di quanto avviene nel Nord e nel Centro dove tale quota rimane sostanzialmente stabile (nel 2008, rispettivamente, il 12,6% e il 14,3%), stupisce il dato del Molise, unica regione italiana dove la povertà rimane sostanzialmente stabile. Vista l’esiguità dei numeri, saranno forse morte un po’ di quelle persone che dichiaravano di non farcela nella precedente rilevazione?

<div class="

Precedente Benedetto, i maghi e gli economisti Successivo Croce e delizia