Orazio Maria Petracca, il politologo liberale

Orazio Maria Petracca è nato a Duronia (Campobasso) il 27 aprile 1937 ed è morto a Roma nel maggio 2008.
Professore universitario (insegnava dottrina dello Stato e scienza dell’amministrazione presso la facoltà di giurisprudenza dell’Università di Salerno), docente nella Scuola superiore di giornalismo della Luiss di Roma, giornalista professionista dal 26 novembre 1974, politologo di formazione giuridico-filosofica, ha collaborato con diverse testate giornalistiche.
E’ stato a lungo editorialista del “Corriere della Sera” e del “Il Sole 24 ore”.
Tra l’altro è stato direttore responsabile del mensile “L’Imprenditore” ed editorialista di “Campagna
amica”, mensile della Coldiretti.
Consigliere di Antonio D’Amato sia quando l’imprenditore è stato presidente dei Giovani Imprenditori (1989-1991) sia nei quattro anni di presidenza della Confindustria (2001-2004), è stato consulente del Sipi.
Molto legato al Molise, ha partecipato a diversi convegni (tra cui quello a ricordo del giornalista molisano Gaetano Scardocchia). D’estate soggiornava a Castelpetroso (Isernia), dov’era proprietario di un palazzo storico e dove ora è sepolto.

Pubblicazioni
Partiti politici e strutture sociali in Italia, con Mattei Dogan, Milano, Edizioni di comunità, 1968.
Storia della prima Repubblica. La democrazia della paura, Milano, Società editoriale mondo economico ; Istituto per gli studi di economia, 1980.
Associazionismo imprenditoriale e impegno politico. L’esperienza della Confintesa, Roma, SIPI, 1984.
Introduzione alla questione istituzionale, Roma, SIPI, 1984.
Le istituzioni politiche, Milano, Il Sole-24 Ore, 2002. Fa parte di La competitività dell’Italia. Ricerca del Centro studi Confindustria.

Precedente Angelo Persichilli, il flauto magico Successivo Ponzio Pilato, il sannita che se ne lavò le mani