Partecipazione “Bocuse d’Or” Lione: bene oli pugliesi, assenti molisani e campani

Proseguono le iniziative del Premio Nazionale Ercole Olivario volte alla promozione degli oli vincitori della ventinovesima edizione del concorso. Gli oli selezionati come eccellenze olearie italiane e vincitori dell’Ercole Olivario 2021 saranno protagonisti del Bocuse d’Or, il prestigioso concorso gastronomico internazionale che vedrà 22 team di chef provenienti da altrettanti Paesi sfidarsi dal vivo in occasione del Sirha, che si terrà presso l’Eurexpo di Lione (Francia) dal 23 al 27 settembre 2021. In occasione del Sirha inoltre i 12 oli vincitori dell’Ercole Olivario saranno presentati e fatti degustare ai professionisti del settore, presso lo spazio espositivo dedicato al Concorso Ercole Olivario in collaborazione con l’ICE – Italian Trade Agency, che sarà situato presso l’Espace des Chefs, Hall 6 stand N°063-A18.

Il Concorso Bocuse d’Or ideato nel 1987 da Paul Bocuse, con la sua rete di 4.000 chef da tutto il mondo, rappresenta, per qualsiasi professionista del settore, un punto di arrivo, a dimostrazione di aver raggiunto l’eccellenza e la perfezione nel proprio lavoro. Il rigido regolamento delle selezioni continentali rende il concorso un evento molto atteso, attorno al quale si muove con grande interesse tutto il mondo della cucina e della pasticceria mondiale, nonchè delle aziende legate a questo settore.

I 22 team di chef, che rappresenteranno 22 Paesi sui 60 in competizione al Bocuse d’Or, si affronteranno durante due giorni di cucina dal vivo – 26 e 27 settembre -, utilizzando per le loro proposte culinarie alcuni tra i 12 oli vincitori dell’Ercole Olivario 2021 e saranno seguiti oltre che da una giuria di eccezione, da un pubblico di professionisti qualificati e dalla stampa internazionale di settore presente al Sirha.

Una eccellente vetrina quindi quella della XX edizione del Sirha di Lione, per le 12 etichette premiate, in rappresentanza delle migliori produzioni di tutta Italia, che permetterà ai circa 42.000 professionisti presenti nei cinque giorni di salone, di conoscere e degustare, presso lo stand riservato, gli oli che hanno brillato nelle due distinte categorie in gara al Concorso Ercole Olivario:

Per la Categoria Dop /IGP Fruttato Leggero

1° Classificato – Sabina Dop della Società Agricola Colle Difesa di Palombara Sabina (Rm), Lazio.

Per la Categoria Dop /IGP Fruttato Medio

1° Classificato – Don Gioacchino – DOP Terra di Bari – Castel del Monte del Frantoio Sabino Leone di Canosa (BT), Puglia

2° Classificato – Costa degli olivi – DOP Sardegna della Cooperativa Valle del Cedrino di Orosei (NU), Sardegna

3° Classificato – Letizia – Dop Monti Iblei dell’Azienda Rollo di Giorgio Rollo di Ragusa, Sicilia

Per la categoria Dop /IGP Fruttato Intenso

1° Classificato – Olio Iannotta – DOP Colline Pontine dell’Azienda Agricola Iannotta Lucia di Latina, Lazio

2° Classificato – Frantoio Franci BIO – IGP Toscano del Frantoio Franci srl di Montenero D’Orcia (GR), Toscana

Per la categoria Extravergine Fruttato Leggero

1° Classificato – Arciprete delle Aziende Agricole Stasi di Torre Santa Susanna (BR), Puglia

Per la categoria Extravergine Fruttato Medio

1° Classificato – Ispiritu Sardu dell’Azienda Masoni Becciu di Deidda Valentina di Villacidro (SU), Sardegna

2° Classificato – Teti dell’Azienda Torretta Srl di Battaglia (SA), Campania

Per la categoria Extravergine Fruttato Intenso

1° Classificato – Mimì Denocciolato Monocultivar Coratina dell’Azienda Agricola Donato Conserva di Modugno (BA), Puglia

2° Classificato – Coratina dell’Azienda Olio Intini di Alberobello (BA), Puglia

3° Classificato – Coppadoro della Società Agricola Ciccolella di Molfetta (BA), Puglia.

Precedente Dal Senese al Molise, raduno di auto storiche Successivo I Presìdi Slow Food, Conca Casale (Isernia) l’unico del Molise