Personale scolastico: la scadenza per chiedere la pensione

Ancora effetto quota 100 sulla pensione. In particolare per il mondo della scuola.

Il personale scolastico prossimo alla pensione – fa sapere il patronato Acli – avrà tempo fino a venerdì 10 gennaio 2020 per presentare la domanda di cessazione del servizio.

Il termine ultimo era stato inizialmente fissato per il 30 dicembre, ma il ministero dell’Istruzione ha prorogato di qualche giorno questa scadenza che rappresenta un passaggio necessario per chi ha raggiunto i requisiti anagrafici e contributivi per interrompere l’attività lavorativa a partire dal settembre 2020.

La possibilità di cessare l’attività lavorativa riguarda docenti, educatori e personale amministrativo, tecnico e ausiliario impiegati a tempo indeterminato nel comparto scolastico, con l’accesso al pensionamento dovuto a quattro diverse opportunità: pensione di vecchiaia, pensione anticipata, Opzione Donna e Quota 100.

I requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia sono 67 anni di età e 20 anni di contributi, per la pensione anticipata sono 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini, per l’Opzione Donna sono 58 anni di età e 35 anni di contributi, e per Quota 100 sono 62 anni di età e 38 anni di contributi. La scadenza del 10 gennaio riguarda anche coloro che intendono ritirare una richiesta di cessazione di attività già presentata per rimanere così ulteriormente in servizio, e per coloro che hanno raggiunto i requisiti per la pensione anticipata e che desiderano ora trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale.

Precedente Guardialfiera (Cb), finanziamento per valorizzare il lago Successivo Diocesi Termoli-Larino (Cb): pellegrinaggio a Roma il 22 gennaio