Doc, vini da pasto e numerosi vitigni
Rosso e bianco di pregio
Cresce “la cultura” del buon bere


Il Molise, pur avendo tutte le carte in regola e nulla da invidiare alle regioni più promozionale per qualità dei propri prodotti, tuttavia continua a rimanere territorio “di scoperta” per quanto riguarda il suo patrimonio enogastronomico. Oggi molti considerano un’opportunità in più il fatto che il Molise sia rimasto ai margini della comunicazione e dei flussi turistici, garantendosi un territorio intatto, coeso, ricco di memorie e di tradizioni culturali e gastronomiche. Se la cultura del vino è strettamente legata a quella del territorio di produzione, il Molise ha davvero ancora tanto da dire.
Le prime testimonianze riguardanti la vitivinicoltura in Molise risalgono a documenti ottocenteschi. Si legge della vendita di vino da parte del Molise all’Abruzzo e dei tipi di coltura adottati. Quindi, testi più recenti, raccontano l’evoluzione delle colture nei vari territori della regione. Tra le doc spicca il vino da pasto prodotto nelle tipologie Aglianico, Cabernet, Chardonnay, Falanghina, Greco bianco, Montepulciano, Moscato, Moscato passito, Moscato spumante, Pinot bianco, Sangiovese, Sauvignon, Tintilia, Trebbiano.
I bianchi - prodotti tramite vinificazione in bianco (con estrazione del succo dal frutto, sì che la fermentazione riguardi solo la parte liquida) - si gustano in calici svasati a 8-10 gradi abbinati a latticini, primi piatti leggeri, pizza.
I rossi - prodotti con vinificazione con la vinaccia, costituita dalle parti solide dell’uva, bucce e vinaccioli, messa a contatto con il mosto durante la fermentazione, per estrarre parte delle sostanze in essa contenuta – si gustano in calici bordolesi a 16-18 gradi, in abbinamento a pastasciutta, polenta, formaggi stagionati, carni al forno. Nella tipologia Moscato, in calici a 12-14 gradi, è indicato per accompagnare mostaccioli o altri dolci tipici della tradizione molisana.
Per il Moscato si usano uve sottoposte a leggero appassimento.


Ricordiamo i vitigni del Molise:
Isernia
Vitigni raccomandati:
Uve bianche: Bombino bianco, Malvasia del Chianti, Pinot bianco, Riesling italico, Riesling renano, Sylvaner verde, Traminer aromatico, Trebbiano toscano, Veltliner.
Uve grigie: Pinot grigio.
Uve nere: Aglianico, Barbera, Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Montepulciano, Pinot nero, Sangiovese.
Vitigni autorizzati
Uve bianche: Garganega, Incrocio Manzoni 6.O.13, Moscato bianco, Sauvignon.
Uve nere: Bovale grande.
Pietrabbondante
Vini
Pentro di Isernia Bianco; Pentro di Isernia Rosato; Pentro di Isernia Rosso.
Termoli
Vini
Biferno Bianco; Biferno Rosato; Biferno Rosso; Biferno Rosso Riserva.


Anche in Molise, negli ultimi tempi, sta quindi crescendo la cultura del vino e la voglia di conoscere le produzioni delle aziende.

(Giampiero Castellotti)

 


© Forche Caudine – Vietata la riproduzione