Rilanciava sui social post jihadisti, 39enne arrestato per terrorismo

(Adnkronos) – Promuoveva sui social il programma eversivo e terroristico jihadista, rilanciando diversi post di propaganda da soggetti online che, a loro volta, divulgavano materiale apologetico, servendosi di internet come una vera e propria cassa di risonanza della violenza e dell’odio. Il Tribunale di Vasto ha convalidato il fermo di indiziato di delitto nei confronti di un 39enne di origine tunisine, B.T., già ristretto in carcere, al termine di un’intensa ed articolata indagine dei militari del Raggruppamento Operativo Speciale Carabinieri. L'accusa nei suoi confronti è di associazione con finalità di terrorismo e istigazione a delinquere aggravata dalla finalità del terrorismo. Lo straniero era domiciliato in un centro di accoglienza sempre nel teatino ed era impiegato presso una ditta locale. La manovra investigativa inizia quando gli investigatori del Ros riscontrano il contatto virtuale tra il B.T. e il terrorista dello Stato Islamico Abdessalam Lassoued, anch’egli originario della Tunisia ed autore dell’attentato terroristico del 16 ottobre 2023 a Bruxelles (Belgio), quando, imbracciando un fucile semi-automatico, uccise due cittadini svedesi prima di essere a sua volta abbattuto dalla polizia belga. Tale collegamento nei social network dava impulso alle indagini nei confronti di B.T. finalizzate ad esplorare ulteriormente il circuito amicale dell’attentatore e verificare l’esistenza di eventuali notizie di reato e minacce sul territorio.  Gli elementi indiziari raccolti consentivano di proseguire le attività d’indagine con una perquisizione, nella quale veniva sequestrato materiale informatico dal quale emergeva un intenso processo di “autoradicalizzazione” islamista, unito ad un’assidua attività di propaganda apologetica a favore di organizzazioni di matrice jihadista riconosciute come terroriste dall’Unione Europea.  Il target di riferimento di B.T. erano tutti i suoi “amici” social, moltissimi di lingua araba, presenti sia sul territorio nazionale che estero, tentando di influenzarli in senso radicale, pubblicando immagini antisemite, antioccidentali e riferite al jihad militare contro gli “infedeli”, anche al costo del “martirio”, avendo come obiettivo ultimo la realizzazione del califfato mondiale. L’esigenza del fermo si è resa necessaria proprio per via del fatto che gli inquirenti dimostravano l’intenzione di B.T. di allontanarsi dal territorio nazionale.  —[email protected] (Web Info)

Articoli correlati