Roma, La Pelanda: “Ka-Opera concerto” sabato 8 febbraio

Il Conservatorio Santa Cecilia insieme all’Accademia Nazionale di Danza – Roma e l’Accademia delle belle arti di Roma in collaborazione con Azienda Speciale Palaexpo presentano sabato 8 febbraio, ore 19.30 al Teatro 1 de La Pelanda: KA–OPERA CONCERTO di Admir Shkurtaj.

Ensemble da camera – 2 soprano – voce sperimentale – attore – 4 danzatori
Musica, testi, direzione Admir Shkurtaj
Scenografia Sergio Sarra
Coreografia Nicoletta Serio
Ensemble da camera
Soprano Hersjana Matmuja
Voce Sperimentale Stefano Luigi Mangia
Soprano Simona Gubello Hyet (tromba midi) Giorgio Distante
Flauti (alto, in do, piccolo) Maria Sole De Pascali
Pianoforte & synth (interfaccia kontakte) Vanessa Sotgiu Violoncello Jacopo Conoci
Cupa-Cupe (percussioni) Pino Basile
Attore Fabio Zullino
Danzatori Serena Fossanova – Nicholas Baffoni – Matteo Midolo – Angela Sterlacci

KA è un’opera-concerto costruita intorno all’idea di possesso. Nella lingua albanese Ka vuol dire “ha”. KA come avere dunque, è il filo che accomuna i quattro pannelli musicali dell’opera: la tensione gravitazionale, l’immagine del doppio, la sessualità, il denaro. Esprimere il possesso in musica alludendo “all’attrazione gravitazionale” è possibile considerando l’intera gamma dei suoni come uno spazio magnetico; gli eventi musicali saranno suscettibili a queste forze che determinano lo sviluppo melodico. Il “doppio” della mente, la parte umana che esprime il suo malessere attraverso i suoni tossendo, vomitando, ridendo, piangendo, sputando, ansimando. Non un cantante che esegue un canto ma proprio quei suoni, derivati dell’angoscia dell’anima. Qui il KA si riallaccia anche al concetto del doppio dell’anima nella cultura religiosa degli antichi Egizi. La sessualità nella sua parte sonora, i suoni dell’atto d’amore, la bellezza che isola il possesso e restituisce l’emozione. Il denaro e la sua idea che si concretizza proprio nel suono delle monetine di metallo, il loro rimbalzo crea uno “sciame” musicale compromettendone la sua funzione naturale: il valore.

Info: Teatro 1- La Pelanda – Mattatoio Roma Piazza Orazio Giustiniani, 4 Ingresso € 20,00

Precedente Personale di Tonino Trotta alla Galleria Pigna di Roma Successivo Caserta: presentazione del nuovo romanzo di Vittorio Schiraldi