Salvatore Baccaro, caratterista memorabile

L’attore Salvatore Baccaro è nato a Roccamandolfi il 6 maggio 1932 ed è morto a Novara il 3 ottobre 1984 a 52 anni.
Per il suo aspetto fisico molto particolare, è stato spesso utilizzato nel cinema per ruoli originali.
Trasferitosi giovanissimo a Roma in cerca di lavoro, mentre svolgeva l’attività di fioraio nei pressi degli stabilimenti cinematografici De Paolis di via Tiburtina, è stato notato e quindi scritturato per il cinema a causa di una aspetto fisico decisamente particolare.
In breve tempo è diventato un ricercato caratterista, un ruolo molto richiesto dal cinema italiano specie a cavallo tra gli anni Sessanta e Ottanta. Ha preso parte ad una sessantina di film, tra cui alcuni di Franco e Ciccio,
nella serie di Pierino e in alcune pellicole di rilievo, come “Profondo rosso” di Dario Argento (1975), dove interpreta un fruttivendolo.
L’attore ha adottato lo pseudonimo di Boris Lugosi, omaggio a Bela Lugosi, primo interprete del vampiro Dracula.
Negli anni precedenti la prematura scomparsa non è più apparso. Nel 2004 il fratello Armando, in un’intervista rilasciata a Marco Giusti nel corso della trasmissione televisiva “Stracult”, ha rivelato la sua malattia deformante, l’acromegalia.
Film

Salvatore Baccaro in “Profondo rosso”


La moglie più bella, regia di Damiano Damiani (1970)
Uomo avvisato mezzo ammazzato… parola di Spirito Santo, regia di Giuliano Carnimeo (1971)
e lo chiamarono Spirito Santo, regia di Roberto Mauri (1971)
Il grande duello, regia di Giancarlo Santi (1972)
Salomè, regia di Carmelo Bene (1972)
Le notti peccaminose di Pietro l’Aretino, regia di Manlio Scarpelli (1972)
Le mille e una notte… e un’altra ancora!, regia di Enrico Bomba (1972)
…E poi lo chiamarono il Magnifico, regia di Enzo Barboni (1972)
Jesse & Lester – Due fratelli in un posto chiamato Trinità, regia di Renzo Genta (1972)
Decameron nº 2 – Le altre novelle del Boccaccio, regia di Mino Guerrini (1972)
I due figli di Trinità, regia di Osvaldo Civirani (1972)
Il gatto di Brooklyn aspirante detective, regia di Oscar Brazzi (1972)
Anche gli angeli mangiano fagioli, regia di Enzo Barboni (1972)
Spirito Santo e le 5 magnifiche canaglie, regia di Roberto Mauri (1972)
Le favolose notti d’Oriente, regia di Mino Guerrini (1973)
Provaci anche tu Lionel, regia di Roberto Bianchi Montero (1973)
Le cinque giornate, regia di Dario Argento (1973)
La rivolta delle gladiatrici, regia di Joe D’Amato (1973)
Terror! Il castello delle donne maledette, regia di Dick Randall (1973)
4 marmittoni alle grandi manovre, regia di Marino Girolami (1973)
Scusi Eminenza… posso sposarmi?, regia di Salvatore Bugnatelli (1974)
Farfallon, regia di Riccardo Pazzaglia (1974)
Anche gli angeli tirano di destro, regia di Enzo Barboni (1974)
Mondo candido, regia di Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi (1974)
Profondo rosso, regia di Dario Argento (1975)
Qui comincia l’avventura, regia di Carlo Di Palma (1975)
Un urlo dalle tenebre, regia di Franco Lo Cascio (1975)
L’esorciccio, regia di Ciccio Ingrassia (1975)
L’educanda, regia di Franco Lo Cascio (1975)
Salon Kitty, regia di Tinto Brass (1975)
40 gradi all’ombra del lenzuolo, regia di Sergio Martino (1975)
Cassiodoro il più duro del pretorio, regia di Oreste Coltellacci (1975)
Quant’è bella la Bernarda, tutta nera, tutta calda, regia di Lucio Giachin (1975)
Spogliamoci così, senza pudor, regia di Sergio Martino (1976)
La vergine, il toro e il capricorno, regia di Luciano Martino (1976)
Emanuelle in America, regia di Joe D’Amato (1976)
Casa privata per le SS, regia di Bruno Mattei (1976)
Remo e Romolo – Storia di due figli di una lupa, regia di Castellacci e Pingitore (1976)
La bestia in calore, regia di Luigi Batzella (1977)
Von Buttiglione Sturmtruppenführer, regia di Mino Guerrini (1977)
Il mostro, regia di Luigi Zampa (1977)
La soldatessa alle grandi manovre, regia di Nando Cicero (1978)
Scontri stellari oltre la terza dimensione, regia di Luigi Cozzi (1978)
Squadra antigangsters, regia di Bruno Corbucci (1978)
Sabato, domenica e venerdì, regia di Castellano e Pipolo (1978)
La liceale, il diavolo e l’acquasanta, regia di Nando Cicero (1979)
Il casinista, regia di Pier Francesco Pingitore (1980)
Il pap’occhio, regia di Renzo Arbore (1980)
Zucchero, miele e peperoncino, regia di Sergio Martino (1980)
Uno contro l’altro, praticamente amici, regia di Bruno Corbucci (1980)
Caligola e Messalina, regia di Joe D’Amato (1981)
Pierino contro tutti, regia di Marino Girolami (1981)
Pierino medico della Saub, regia di Giuliano Carnimeo (1981)
Il tifoso, l’arbitro e il calciatore, regia di Pier Francesco Pingitore (1982)
Pierino colpisce ancora, regia di Marino Girolami (1982)
Ator l’invincibile, regia di Joe D’Amato (1982)
Sfrattato cerca casa equo canone, regia di Pier Francesco Pingitore (1983)
Se tutto va bene siamo rovinati, regia di Sergio Martino (1984)
Tutti dentro, regia di Alberto Sordi (1984)
Dagobert, regia di Dino Risi (1984)

Precedente Alberto Aquilani, la garanzia a centrocampo Successivo Silvia Baraldini, la paladina dei diritti