Sardine, San Giovanni piena, ma età media elevata

Le Sardine hanno riempito piazza San Giovanni. Sin dalle ore 15 grande afflusso verso la piazza, che è stata chiusa al traffico. Molti cartoncini colorati con la sagoma delle sardine, una bandiera della pace, qualche striscione, i fazzoletti dell’Anpi al collo, molti cori con “Bella Ciao”, qualche spilletta con riferimenti a partiti della sinistra antagonista. Tra i volti noti, confusi in piazza, Diego Bianchi “Zoro”, Giovanni Floris, Erri de Luca, Nichi Vendola con bambino e marito, il vicesindaco di Roma Luca Bergamo. Presenti anche i Papaboys.

Al centro della piazza un camioncino con amplificatore al posto del palco. Tante persone, con prevalenza di cinquantenni-sessantenni. Presente anche un gruppo di migranti per l’abolizione del decreto sicurezza. Tanti i richiami all’antifascismo e alla resistenza.

Mattia Santori, il leader del movimento, ha chiesto la cancellazione del decreto sicurezza, ma anche una stretta sulla violenza verbale da parte della politica (da equiparare a quella fisica, per il giovane leader).

“Le piazze hanno preso la forma dell’antifascismo e della lotta alla discriminazione – ha detto.

E’ intervenuta anche la presidente dell’Anpi Carla Nespolo che ha ricordato le parole di Gramsci: “Odio gli indifferenti”.

Ha preso la parola anche l‘europarlamentare Pietro Bartolo, medico a Lampedusa per 28 anni: “La politica ritrovi la strada dell’umanità”.

Domani, domenica, i 160 referenti delle piazze delle Sardine si riuniranno allo SpinTime, la struttura occupata in via Santa Croce in Gerusalemme dove un cardinale restituì l’elettricità agli occupanti.

Precedente Chiara Gamberale, una penna generazionale Successivo Vito Gamberale, manager a 360 gradi