Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

Tre oli molisani nella guida "Oli d'Italia"

Sono il Tratturello dell'azienda Parco dei Buoi; Colle d'Angiò monocultivar Rumignana di Giorgio Tamaro e la Monocultivar rumignana di Marina Colonna.I tre oli del Molise che conquistano le "Tre foglie" della Guida Oli d'Italia" 2013 del Gambero Rosso, raccolta 2012 ed entrano, con altri 180 oli, nel quadro delle eccellenze del Made Italy, che vede la Toscana confermare, con 31 "Tre foglie", il primo posto dello scorso anno.Questo importante risultato, come quello ottenuto da altre aziende con i propri oli inseriti, in particolare della varietà "Gentile di Larino", in altre diffuse guide, conferma la bontà degli oli molisani e la grande capacità di competere con le sue varietà con tutte le altre realtà olivicole del nostro Paese che, è bene ricordarlo, con oltre 400 varietà autoctone è primo al mondo in quanto a biodiversità.
Un patrimonio unico che, se ben speso con un'attenta strategia di marketing, a partire dalla comunicazione, ha tutte le possibilità di conquistare le fasce alte del mercato mondiale e sconfiggere il tentativo messo in atto dall'industria olearia spagnola di azzerare questo patrimonio con l'introduzione di impianti olivicoli superintensivi a base di due o tre varietà del paese iberico.
Una iniziativa in atto che ha trovato eco in un recente incontro promosso nel Molise e che, a parere di molti esperti e cultori del nostro patrimonio olivicolo e dei suoi paesaggi unici, soprattutto nelle aree interne, crea non pochi rischi al futuro della nostra olivicoltura, del Molise in particolare.
L'industria olearia spagnola che, come ben sanno gli addetti del comparto, ha acquistato tutte le più grandi e famose industrie italiane, ad eccezione di Colavita, il grande nome molisano nel mondo, e qualche altra grande azienda, utilizzando, così, il nome e la fama che nel corso di decenni si sono saputo conquistare sul mercato globale.
Di fronte a questo quadro acquista ancora più valore il successo, con l'inserimento in una delle più seguite "guide", dei tre oli monovarietali molisani posti tra le eccellenze degli oli italiani.

(Pasquale Di Lena - 11 aprile 2013)