Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

Proiezione docu-film: "L'ultimo Don Chisciotte"

../gallery/04_Eventi_promossi/221_Sabelli.jpg

Un film "camminato" fra paesaggi mozzafiato, fra salite e discese di un Molise da old west, bellissimo, nascosto e in contaminato, seguendo per quattro giorni, a piedi, l'allegra e scanzonata marcia dei partecipanti a Cammina, Molise! 2010.Sopratutto, il racconto di una folle e "salubre" idea di un gruppo di amici che, innamorati della Terra dei padri, decidono di riscoprirla e onorarla in modo originale: cammionandoci sopra e raggiungendo così ogni possibile nuova meta.
Nel 1995, questi amici, tutti presssocchè originari di Duronia e capitanati da Giovanni Germano, per festeggiare il primo anniversario de la "La via nova", rivista che hanno editato a Roma, dove risiedono, dalla Capitale, decidono di tornare al paese d'origine a piedi. Nasce così Cammina, Molise!
Nel tempo, la manifestazione è divenuta un lungo cammino alla ricerca della propria identità e della propria cultura. Un cammino, che si rinnova in modo diverso, ogni anno, per 4 giorni, con sempre più proseliti, che dà vita a lunghe carovane di "pellegrini" che, a piedi, camminando lentamente, di anno in anno hanno raggiunto e attraversato, tutti i 136 paesi molisani e i loro bellissimi territori, vigilando sulla loro conservazione.
Una manifestazione unica in Italia, che dimostra che un turismo altro, rispettoso dei luoghi e della natura è possibile, sopratutto se si condivide l'idea che la lentezza ti spinge nel futuro con molta più forza e determinazione della fretta e dell'arroganza.
E così Giovanni Germano, che ha coinvolto nel suo cammino tutte le diverse generazioni della sua famiglia, e i suoi amici seguono la loro Utopia che li porta a camminare e riscoprire lentamente il Molise. Come novelli Don Chisciotte, errano di qua e di là per esso, facendosi anche testimoni della sua selvaggia trasformazione, quando s'imbattono nell'abuso di pale eoliche che compaiono sempre più spesso sui nostri più bei crinali.