Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

La tv abruzzese "TeleAesse" a proposito di "Forche Caudine"

../gallery/04_Eventi_promossi/232a_TeleAesse.jpg

TeleAesse finisce sulla rivista romana ‘Forche Caudine'

Verso la fine degli anni ottanta, la rivista "Forche Caudine" raggiungeva le abitazioni di oltre 30.000 romani di origine molisana. Un progetto editoriale straordinario, architettato da ultraventenni che sbalordirono i navigati giornalisti capitolini, incantati dall'intrapredenza e soprattutto la capacità di quei "dilettanti" dell'informazione nel catturare, in breve tempo, l'interesse di tutti gli oriundi molisani presenti nella Capitale. Non solo editoria, si organizzavano gite, appuntamenti letterari, iniziative ludiche e incontri tra corregionali. Il vulcano molisano riuscì a coinvolgere innumerevoli attività commerciali, ammaliate dall'inedita forma di comunicazione consolidata da un'intelligente operazione di marketing. Da qui l'ingresso di boutique, profumerie, sartorie e attività ristorative, gestite da famiglie "romane" di Frosolone, Sant'Elena Sannita, Pietrabbondante, Capracotta, Salcito e Bagnoli del Trigno che sgomitavano per apparire nelle colonne della rivista.
Un successo totale, nato per gioco, ispirato dall'amore per la terra di origine.
Da un po' di tempo, adeguandosi agli standard moderni, ‘Forche Caudine‘ è una gradevole pubblicazione on line, diretta da Giampiero Castellotti, apprezzabile sul sito www.forchecaudine.com/it/index.php.La rivista gode di una visibilità impressionante e a giusta ragione rappresenta l'autorevole fonte d'informazione dei molisani a Roma e non solo.La sorpresa, assai gradita a TeleAesse, è stata confezionata dalla penna di Gabriele Di Nucci, nel numero di aprile (a pag. 3). Tra le righe dell'articolo dedicato alla straordinaria nevicata a Capracotta, il collega fa riferimento al simpatico contatto avvenuto tra la giornalista di CNN e TeleAesse. Curiosità fatta entrare nella vicenda straordinaria, consegnata alla storia, dalla brillante penna dell'oriundo capracottese alla grande platea dei lettori romani-molisani. Davvero un bel gesto di cortesia ed un importante riscontro per la nostra testata, da sempre estimatrice ed amica dell'ottima redazione di ‘Forche Caudine'.