Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

Presentazione libraria: "Invito alla conoscenza dei Sanniti" di Claudio Niro

../gallery/04_Eventi_promossi/239_Claudio_Niro.jpg ../gallery/04_Eventi_promossi/239_Ringraziamenti_Biblioteca_Baranello.jpg

E' stato presentato a Palazzo della Minerva presso la Biblioteca del Senato "Giovanni Spadolini" a Roma dal senatore Mario Mauro il volume di Claudio Niro: "Invito alla conoscenza dei Sanniti - Appunti e annotazioni per un percorso di studio" AGR Editrice di Ripalimosani.
Presenti, oltre al senatore Mario Mauro e alla giornalista Maria Stella Rossi in veste di relatori, il sindaco di Baranello Mario Maio e il vicesindaco Domenico Boccia nonché i consiglieri Vincenzo Niro e Michele Petraroia.
Particolarmente nutrita la presenza di molisani che vivono a Roma, coinvolti dall'associazione "Forche Caudine", il circolo dei Romani d'origine molisana: oltre a Gabriele Di Nucci e a Luca Turrisi del direttivo dell'associazione "Forche Caudine", sodalizio che ha collaborato per la riuscita dell'evento, anche Federico Pommier Vincelli di "Molise Cinema" e Mario Spadanuda. Tra i presenti l'editore Gianfranco Galati.
Un appuntamento che ha ribadito l'importanza della location romana per iniziative riguardanti il Molise, costituendo anche occasione di reunion, come nel caso di Piero Niro, figlio dell'autore Claudio, che dopo numerosi anni ha ritrovato in platea il suo insegnante di musica, il maestro Luca Turrisi.
Orgoglio e affettuosa partecipazione nei confronti di Claudio Niro che di un secolo ha percorso finora ben 91 primavere ed è animato da almeno due note passioni: l'inesauribile sete per la conoscenza e l'amore nei confronti dei libri. Si deve a lui, infatti, la creazione della preziosa Biblioteca di Baranello che da volontario custodisce con rigoroso rispetto cronologico, amore e un seppure non ostentato orgoglio per aver dotato non solo il proprio paese ma l'intero Molise di una struttura attraverso la quale a buon diritto transitano importanti pagine della storia del Mezzogiorno d'Italia.
Quella di Baranello (lo abbiamo detto spesso) è una Biblioteca altrove quasi introvabile a meno che non la si cerchi in Inghilterra o in Francia luoghi da dove comunque diversi studiosi partono per venirla a visitare accreditandola viepiù oltre, naturalmente, alle numerose donazioni da parte di studiosi ed estimatori provenienti da ogni parte d'Italia. Claudio Niro ha cominciato a costruirla più di tre lustri fa raccogliendo all'inizio i circa 700 volumi recuperati da quelli che allora si chiamavano Centri di lettura. Essa è nel frattempo cresciuta si è impreziosita di rarità, oggi è frequentata da circa 3000 persone l'anno e i libri dati in prestito non sono meno di 800. Si trovano ben custoditi oltre 200 tra libri antichi e rari di cui 5 centini. C'è tutta l'enciclopedia Treccani in 40 volumi nella 1^ edizione del 1929. La Storia Universale in sei volumi del 1908; un Brevarium Romanum miniato del 1864; la Storia di Roma in 12 volumi di Theodor Mommsen del 1854. Ed oltre 450 opere riguardanti il Molise frutto di donazioni di case editrici ed Enti. Ci sono anche 400 cassette di audiovisivi Dvd - Films e circa 200 Cd di musica classica.
Claudio Niro è tutt'altro che un custode geloso, bensì è generoso dispensatore di conoscenza: i libri sono strumenti che mette a disposizione dei suoi concittadini - soprattutto i più giovani - affinché possano sentirsi "cittadini del mondo" e Baranello luogo nobile erede dell'ingegno dei Zurlo. Anche questo ultimo suo lavoro: "Invito alla conoscenza dei Sanniti" è rivolto ai giovani affinché ripercorrendo la civiltà sannita (storia fin qui negata perché scritta dai vincitori) se ne ristabilisca la verità e, guardando ad essa con orgoglio si possono ritrovare radici comuni attraverso le quali riconoscersi ed attestare la propria identità. L'onore che la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, sostenitrice della presentazione del volume ha inteso conferire a Claudio Niro giunge dopo quella del 1991 allorché il Presidente della Repubblica ha nominato il direttore della Biblioteca di Baranello, Cavaliere al merito della Repubblica e la sua lunga attività professionale è stata riconosciuta mediante il conferimento della Medaglia d'oro da parte del Ministero della Pubblica Istruzione.Al centro dell'evento l'opera scritta dall'instancabile 91enne, ma soprattutto il Molise con la sua identità e le sue risorse culturali.
Claudio Niro, ha espresso tutto il suo ringraziamento al pubblico intervenuto, una platea di Molisani residenti fuori regione. "Per me è un momento importante - ha dichiarato Niro - Sono onorato di essere qui non tanto per il libro sui Sanniti, quando per il mio Molise, una terra ricca di risorse culturali che esiste eccome e che va promossa in ogni occasione possibile. Io faccio la mi piccola parte...".


ARTICOLO DELLA TESTATA "UN MONDO DI ITALIANI"

Senato della Repubblica: a 91 anni pubblica un corposo volume sui Sanniti il molisano Niro
di Antonio Rocco e Luigi Pinna -
Claudio Niro, un giovane di 91 anni, responsabile della biblioteca di Baranello dove studia tutta la giornata, ha voluto raccontare la storia dei Sanniti, rivolgendosi soprattutto ai più giovani, per recuperare il senso di un'identità perduta, la curiosità per la storia.

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Pubblicare un libro a 91 anni. Accade in Molise, dove il bibliotecario che ha passato la vita tra i libri, ha dato alle stampe addirittura una corposa ricerca sui Sanniti, sulle origini che appartengono al popolo molisano e in particolare a Bojano, dove i Sanniti avevano fondato la loro ricca e famosa capitale. Giovedì 15 dicembre 2016, quindi, alle 16,30, presso la Sala Biblioteca del Senato a Roma, sarà presentato, a cura dell'attiva Associazione Forche Caudine, che raccoglie i molisani residenti nella capitale, il volume "Invito alla conoscenza dei Sanniti" di Claudio Niro, pubblicato dall'A.G.R. di Ripalimosani (Campobasso). Claudio Niro, 91 anni, responsabile della biblioteca di Baranello dove lavora e studia tutta la sua giornata, ha scritto questo testo per trasmettere, soprattutto ai più giovani, la curiosità per la storia, per le origini, per coloro che possiamo considerare i nostri progenitori: i Sanniti. Un volume che, come sottolinea lo stesso autore, "non ha pretese di rigore scientifico, ma vuole offrire spunti e annotazioni utili ad ulteriori approfondimenti". Il popolo molisano, secondo l'autore, può e deve recuperare il senso di un'identità perduta, spesso sconosciuta, nella quale risiede una grande ricchezza, quella dei valori più genuini, che oggi più che mai possono fare da traino per il futuro.Il libro è stato presentato in anteprima presso la biblioteca di Baranello dalla giornalista Maria Stella Rossi e ora approda a Roma, con la collaborazione di "Forche Caudine", un'associazione presieduta dal giornalista Giampiero Castellotti, particolarmente attiva sul piano culturale, molto bene integrata sul territorio, che raduna i tantissimi molisani emigrati nella capitale e promuove da anni, con continuità, un fitto calendario di iniziative culturali, in particolare a Roma. Il volume è stato pubblicato dall'A.G.R. di Ripalimosani di Campobasso. 
Sarà presente il senatore pugliese Mario Mauro e per l'associazione "Forche Caudine" saranno presenti Gabriele Di Nucci e Luca Turrisi.
"Forche Caudine" ha un proprio comitato scientifico presieduto dall'economista internazionale Fabio Scacciavillani e di cui fanno parte, tra gli altri, il professor Giuseppe De Rita, presidente del Censis, i manager Salvino Salvaggio e Giuseppe De Pascale, il regista e scrittore Enzo Cicchino, l'imprenditore Sebastiano Di Rienzo, presidente dell'Accademia Nazionale dei Sartori, l'economista Maria Teresa Raggi.
Per accedere in Senato è necessario presentare all'ingresso un documento di riconoscimento.
13 / 12 / 2016