Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

Presentazione del film  su Francesco Jovine

../gallery/04_Eventi_promossi/361_-_Film_Jovine.jpg

La FONDAZIONE CINEMA PER ROMA CITY FEST e CINEMA AL MAXXI 2018 presentano l'evento "C'ERA UNA VOLTA LA TERRA - La terra è un fatto di anima", film documentario diretto da Ilaria Jovine e Roberto Mariotti liberamente tratto dagli articoli giornalistici di Francesco Jovine (1902-1950). In collaborazione con l'associaizone Forche Caudine, che ha collaborato alla promozione del film ed è stata citata nei titoli finali della pellicola.
ANTEPRIMA ASSOLUTA presso il MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo
Domenica 8 aprile 2018 ore 16, via Guido Reni 4/a, Roma.
Proiezione introdotta da Mario Sesti alla presenza degli autori.
Il film documentario è appunto tratto dagli articoli giornalistici che lo scrittore neorealista Francesco Jovine (1902-1950) ha dedicato al Mezzogiorno, alla questione meridionale e alle lotte contadine. Il documentario indaga la realtà del Sud contemporaneo, alla ricerca del medesimo legame raccontato dallo scrittore, quello che da sempre lega l'uomo alla terra.
Una favola di immagini e suoni, sospesa tra presente e passato, raccontataci dalla voce di Neri Marcorè e dalle musiche originali di Giuseppe Moffa.
Una favola poetica quanto amara che ripercorre i cicli delle stagioni e svela abusi e dissesti, parla dei diritti dei nuovi braccianti e dei doveri verso l'ambiente, che ricorda antiche superstizioni contadine e ironizza su quanto in fondo non siamo cambiati.
Il curatore della rassegna e critico cinematografico Mario Sesti così sintetizza il film: "A quasi settant'anni dalla morte dello scrittore e cronista, Francesco Jovine, che ha raccontato la vita contadina con lo scrupolo dell'antropologo e l'empatia del poeta, il film rievoca il suo sguardo mappando con la videocamera campi e forre, valli e dirupi, pianure e colline, coltivazioni e pascoli del Molise. La civiltà più antica del mondo, quella rurale, in un canto pastorale, dal dettaglio digitale, che include i nuovi volti dei migranti".