Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

Convegno: "Opportunità Molise"

../gallery/04_Eventi_promossi/146_Convegno_Opportunita.jpg

Ad illustrare il territorio e le opportunità d'investimento: Alessandra Arcese (Responsabile di progetto), Michele Esposto (Cosmo Servizi), Lorenzo Lener (Retecamere), Massimo Pillarella (Matese Per l'Occupazione), Andrea Quintiliani (docente di finanza aziendale), moderatore: Giampiero Castellotti (giornalista).

- LA RASSEGNA STAMPA DELL'EVENTO
(a cura di Giampiero Castellotti) - cliccare QUI

In alto: due immagini del convegno (foto di Lorenzo Lener)



ARTICOLO DI ARIANNA EDITRICE

Investire in energie alternative nei piccoli borghi del Molise

07/04/2008

Incontro a Roma il 21 aprile promosso da Retecamere, Istituto Tagliacarne, Università del Molise e associazione Forche Caudine.campobassoisernia_campobasso.jpgEnergie alternative e rilancio sostenibile dei piccoli borghi. 
Il Molise punta ad attrarre investimenti soprattutto in questi settori. E lo fa mettendo a disposizione una serie di risorse e di strumenti che saranno presentati in anteprima il prossimo 21 aprile, dalle ore 16,30, a Roma (piazza Sallustio 27) nell'ambito del convegno "Opportunità Molise", promosso da Retecamere, la società delle Camere di commercio per i progetti e i servizi integrati e dall'associazione "Forche Caudine", storico circolo dei molisani che vivono fuori confine, in collaborazione con Istituto Tagliacarne, Università del Molise, Unioncamere Molise, Cosmoservizi e Matese per l'occupazione. 
L'importante iniziativa rientra nel programma di marketing territoriale per l'attrazione di investimenti produttivi nella Regione Molise (misura 4.3.1 del Por Molise). La filiera dell'energia rinnovabile è un settore ad alto sviluppo grazie, tra l'altro, alla congiuntura negativa del petrolio e al rafforzamento internazionale della sensibilità verso l'ambiente. Per il territorio molisano sono state identificate sette opportunità di business, dai mini impianti idroelettrici e fotovoltaici (fino a due megawatt) ai tetti fotovoltaici, dagli impianti di gasificazione da biomasse al microelettrico e alle reti distributive per biocarburanti. 
Le opportunità finanziarie rientrano principalmente nel Por Molise Fesr 2007-2013, assi I (innovazione) e II (energia), recentemente approvato dalla Commissione europea.La formula "I borghi" mira invece a promuovere un nuovo modello di ospitalità turistica e residenziale basato su "strutture ricettive diffuse" (borgo-albergo, residence e albergo diffuso), in grado di assicurare maggiore legame con la cultura dei luoghi, relazioni con le comunità locali, autenticità delle esperienze di viaggio. Prime esperienze-pilota sono in atto con gli olandesi. Quindici i comuni coinvolti, tra cui San Giuliano del Sannio con 19 immobili e 54 posti letto per un investimento totale di oltre 2 milioni di euro, Bonefro (3 immobili per 26 posti letto), Montorio nei Frentani (8 immobili, 40 posti letto), Guglionesi (20 posti letto).La scelta molisana di puntare sulla produzione di energie da fonti rinnovabili e sul rilancio dei piccoli borghi nasce da una solida esperienza nel settore: la percentuale di energia prodotta in Molise da fonti rinnovabili è crescente e già in linea con quella nazionale. 
Inoltre esistono radicati fattori di "naturalezza" che ben s'armonizzano con l'opzione dell'energia pulita: il Molise è un territorio dove la gradevolezza del vivere è associata all'assenza di fenomeni di devianza sociale, di criminalità (tasso fortemente inferiore alla media nazionale e del Mezzogiorno) o di inquinamento ambientale tipici delle aree urbane. La tradizione contadina preserva valori di qualità e tranquillità della vita piuttosto importanti. Sono dati evidenziati dalla tradizionale ricerca multiscopo realizzata dall'Istat presso i molisani o dalle indagini sulla qualità della vita promosse dai quotidiani "Sole 24 Ore" e "Italia Oggi", che vedono le due province molisane ai primi posti nella graduatoria di "città più sicure" del nostro Paese.
L'evento romano del 21 aprile mira a favorire l'insediamento di nuove attività imprenditoriali e di attrarre investimenti produttivi sul territorio regionale anche e soprattutto a livello internazionale. Tra i relatori, moderati dal giornalista Giampiero Castellotti, segnaliamo Massimo Pillarella, esperto di programmazione regionale, Federico Pommer Vincelli, promotore di iniziative nel settore artistico e Filippo Tantillo di Studiare Sviluppo.