Giornale realizzato da giornalisti e professionisti d’origine molisana sparsi per il mondo. Sede centrale: Roma

"Ambasciatori del Molise": c'è anche Forche Caudine

../gallery/04_Eventi_promossi/300_Castellotti_Ambasciatore.jpg

Durante la "Giornata dell'Emigrazione molisana nel Mondo", giunta alla sua III Edizione e celebrata il 6 dicembre 2017 a Campobasso, 
Giampiero Castellotti, giornalista, presidente dell'associazione culturale "Forche Caudine", ottiene dalla Regione Molise l'onorificenza di "Ambasciatore del Molise": un riconoscimento importante anche per l'attività trentennale del circolo sannita di cultura e di ricerca, il circolo romano ‘Forche caudine'.
La cerimonia è stata presieduta dal giornalista Rai Francesco Giorgino, caporedattore del Tg1, e alla presenza delle massime autorità regionali. L'onorificenza è stabilita da una legge regionale e viene assegnata annualmente ad una persona d'origine molisana in Italia e a tre residenti all'estero.
Insieme a Giampiero Castellotti, i tre Ambasciatori del Molise nel mondo premiati per il loro spiccato impegno e merito a favore del Molise sono stati: il linguista Michele Castelli, 71 anni, professore di linguistica a Caracas trasferitosi in Venezuela nel 1970; il contrammiraglio Michael Iademarco per gli Usa, studioso plurilaureato i cui nonni erano di Mirabello, in provincia di Campobasso; Teresa Iarocci Mavica, originaria di Bonefro (CB) e residente in Russia da circa trent'anni, ideatrice e direttrice del museo artistico di Mosca, un importante centro d'arte contemporanea a due passi dal Cremlino in una ex centrale elettrica ristrutturata da Renzo Piano.
Successo della Giornata dell'Emigrazione molisana nel mondo non solo per gli Ambasciatori premiati, gli ospiti ed i partecipanti, ma anche e soprattutto per i 700 mila molisani che vivono all'Estero e per un Molise celebrato al di fuori dei suoi confini che vuole emergere nel pianeta grazie a meriti culturali, artistici, politico-sociali, imprenditoriali e professionali.

RASSEGNA STAMPA DELL'EVENTO
(cliccare qui)