Studio sul Covid, confronto Nord-Sud (Varese e Molise)

Uno studio sulla diffusione del coronavirus mette a confronto il Nord e il Sud Italia attraverso un focus sulla provincia di Varese e sul Molise.

Il progetto, intitolato “Impatto dell’infezione da Sars-CoV-2 in popolazioni con alto o basso rischio di infezione”, vede coinvolte l’Università dell’Insubria, l’Asst Sette Laghi e l’Irccs Neuromed, l’istituto neurologico di Pozzilli, in provincia di Isernia.

Lo studio, oltre ad analizzare i dati Covid dei due territori (la provincia di Varese ha il triplo dei residenti del Molise), si avvarrà anche di un’indagine sierologica condotta su un campione di cittadini di entrambe le aree geografiche, per fotografare l’effettiva diffusione del coronavirus, le diverse manifestazioni della malattia e l’eventuale presenza di fattori di rischio o protezione che potrebbero aver influito sulla maggiore o minore gravità clinica. 

«Abbiamo ancora molto da imparare su questo virus – ha dichiarato Licia Iacoviello, professoressa ordinaria di sanità pubblica all’Università dell’Insubria, come riportato dal quotidiano Il Giorno – a cominciare dall’effettiva circolazione nella popolazione. Un’indagine impossibile nella fase di emergenza, ma che ora possiamo condurre con precisione”.

Precedente Il “sacrificio” della mascherina Successivo Termoli, presentato il programma per la festa di San Basso