Timi Yuro, una regina del country


Timi Yuro, nome d’arte di Rosemarie Timotea Aurro, cantante statunitense di successo, nacque a Chicago il 4 agosto 1940 ed è morta a Las Vegas il 30 marzo 2004.
Nata da genitori italiani di Rocchetta a Volturno (Isernia), Rosemarie si esibisce giovanissima a Los Angeles nel ristorante dei suoi genitori (“At Alvolturno’s”), finché non sottoscrive un contratto discografico con la Liberty Records, esordendo con “Hurt” (1961) di Roy Hamilton, giunto al quarto posto della classifica americana di vendite (si tratta della celebre “A chi?”, portata al successo da Fausto Leali). Importante nella formazione musicale l’incontro sentimentale con Larry Bright, chitarrista di estrazione blues che ingaggiato da Elvis Presley, venne liquidato per gli eccessi alcolici.
Nel 1962 diventa “spalla” di Frank Sinatra nella tournée australiana. Dell’anno seguente il primo album, “Make the world go away”, genere country. Il brano “What’s a matter baby” rimane uno dei suoi più noti successi, prodotto da Phil Spector, ex compagno di coro.
Nel 1965 partecipa al Festival di Sanremo con due canzoni “E poi verrà l’autunno” e “Ti credo”. Tornerà nel 1968 con “Le solite cose” di Pino Donaggio. Durante la permanenza in Italia, farà un salto in Molise, accompagnata da Ricky Gianco, per conoscere la terra delle sue origini.
“The Amazing” è giudicato l’album migliore della cantante d’origine molisana, dove sono forti i riferimenti al jazz.
Con il matrimonio, nel 1969, di fatto chiude con il mondo dello spettacolo. Nel 1976
il gruppo dei Manhattans rilancia “Hurt” in versione disco-music e molti riscoprono la voce dell’italo-americana inserendola in alcuni remix di successo.
Poco più che quarantenne comincia a combattere con un tumore alle corde vocali.
Timi morirà nella sua casa di Las Vegas nel 2004.
Uno degli ultimi concerti, di cui ci sono tracce video, è in un locale gay negli anni Ottanta.
Uno dei suoi più grandi fans è stato Elvis Presley, il quale oltre a seguire i suoi concerti, ha inciso la sua personale versione di “Hurt” nel 1976.

Discografia

Albums
1961 – Hurt! (Liberty Records, LRP-3208 / LST-7208)
1962 – Soul! (Liberty Records, LRP-3212 / LST-7212)
1962 – Let Me Call You Sweetheart (Liberty Records, LRP-3234 / LST-7234)
1962 – What’s a Matter Baby (Liberty Records, LRP-3263 / LST-7263)
1963 – The Best of Timi Yuro (Liberty Records, LRP-3286 / LST-7286) Raccolta
1963 – Make the World Go Away (Liberty Records, LRP-3319 / LST-7319)
1964 – The Amazing Timi Yuro (Mercury Records, MG-20963 / SR-60963)
1966 – Timi Yuro (Sunset Records, SUM-1107 / SUS-5107)
1968 – Something Bad on My Mind (Liberty Records, LST-7594)
1974 – The Very Best of Timi Yuro (United Artists Records, UA-LA429-E) Raccolta
1981 – All Alone Am I (Dureco Benelux, 77.011)
1982 – I’m Yours (Arcade Records, ADEH 92)
1982 – Today (Ariola Records, 205 006)
2000 – Live at P.J.s (RPM Records, RPM197)

Singoli
1961 – Hurt/Apologize (Liberty Records, 55343)
1961 – Smile/She Really Loves You (Liberty Records, 55375)
1961 – I Believe/A Mother’s Love (Liberty Records, 55400) con Johnnie Ray
1962 – Let Me Call You Sweetheart/Satan Never Sleeps (Liberty Records, 55410)
1962 – I Know (I Love You)/Count Everything (Liberty Records, 55432)
1962 – What’s a Matter Baby (Is It Hurting You)/Thirteenth Hour (Liberty Records, 55469)
1962 – The Love of a Boy/I Ain’t Gonna Cry No More (Liberty Records, 55519)
1963 – Insult to Injury/Just About the Time (Liberty Records, 55552)
1963 – Make the World Go Away/Look Down (Liberty Records, 55587)
1963 – Gotta Travel On/Down in the Valley (Liberty Records, 55634)
1964 – Call Me/Permanently Lonely (Liberty Records, 55665)
1964 – A Legend in My Time/Should I Ever Love Again (Liberty Records, 55701)
1964 – I’m Movin’ On (Part 1)/I’m Movin’ On (Part 2) (Liberty Records, 55747)
1964 – If/The Masquerade Is Over (Mercury Records, 72316)
1964 – I Got It Bad and That Ain’t Good/Johnny (Mercury Records, 72355)
1965 – Could This Be Magic/You Can Have Him (Mercury Records, 72391)
1965 – Can’t Stop Running Away/Get Out of My Life (Mercury Records, 72431)
1965 – Big Mistake/Teardrops Till Dawn (Mercury Records, 72478)
1966 – Once a Day/Pretend (Mercury Records, 72515)
1966 – Don’t Keep Me Lonely Too Long/You Took My Happy Away (Mercury Records, 72601)
1966 – Turn the world around the other way/just a Ribbon (Mercury Records, 72628)
1967 – Why Not Now/Cuttin’ In (Mercury Records, 72674)
1968 – Wrong/Something Bad on My Mind (Liberty Records, 56049)
1968 – I Must Have|Been Out of My Head/Interlude (Liberty Records, 56061)
1973 – Hurt/What’s a Matter Baby (Is It Hurting You) (United Artists Records, 0042)
1975 – Southern Lady/Lovin’ You Is All I Ever Had (Playboy Records, 6050)

Precedente Frank Monaco, il fotografo dello spirito Successivo Ignazio Visco, l’uomo Banca d’Italia