Torino, al Salone del Libro c’è il molisano Giovanni Mancinone

Dieci capitoli, undici vittime. Le cronache raccontate nel libro “Mostri” del giornalista molisano Giovanni Mancinone hanno in comune territori dove apparentemente il vivere è quieto e tutto è vicino. E vicini, troppo vicini sono gli assassini: tutti maschi.

In comune tra le storie raccolte, indagate e raccontate da Giovanni Mancinone c’è anche un altro elemento. Si poteva evitare. Bastava dire, non nascondere, non aspettare. In alcuni casi, ci sono colpe pubbliche. In tutti, segreti privati, nascosti per la paura di rompere la patina del quieto vivere. I pezzi di cronaca ignorano le differenze tra sud e nord, campagne e metropoli, poveri e ricchi, e compongono una unica storia, quella di un Paese nel quale le donne sono infinitamente più forti rispetto a soli pochi decenni fa, ma troppo spesso pagano la loro forza, la loro indipendenza, il loro “no”, con la vita.

Il libro, edito da Rubbettino, viene presentato al Salone del Libro di Torino oggi, mercoledì 8 maggio 2024, alle ore 18,30 presso il Caffè Roberto, in via Garibaldi 30.

Giovanni Mancinone dialogherà con Roberto Tricarico e la scrittrice Ivana Mulatero, molisana d’adozione avendo il marito di Chiauci (Isernia).

Articoli correlati