Touring Club: “Un giorno per bene” per amare l’Italia

Un giorno per bene”, dopo il successo della prima edizione, conferma l’impegno di “prendersi cura del Paese” che da sempre contraddistingue le attività del Touring Club Italiano.

Restituire alla comunità beni comuni bisognosi di cure e attenzioni, grazie al supporto concreto di soci del Touring Club Italiano e cittadini, è l’obiettivo di questo appuntamento, in programma sabato 4 e domenica 5 aprile.

Luoghi d’arte, parchi, spiagge, piste ciclabili, monumenti, sentieri e percorsi pedonali – patrimonio culturale, artistico e naturalistico del nostro Paese – hanno, infatti, bisogno dell’aiuto di tutta la comunità per essere valorizzati e resi accessibili.

I riflettori sono puntati sui “beni comuni” di 12 città su tutto il territorio nazionale, ma i veri protagonisti dell’iniziativa sono i cittadini che, in veste di volontari, faranno vivere luoghi e beni che appartengono alla comunità.

Ad Ancona, Brescia, Brindisi, Cagliari, Massa (MS), Milano, Orvieto (TR), Palermo, Roma, Rovereto (TN), Venezia e Verona tutti sono chiamati a partecipare attivamente il 4 e il 5 aprile a “Un giorno per bene” prendendosi cura della propria città per renderla più accogliente, fianco a fianco con i volontari del Touring Club Italiano e delle numerose organizzazioni locali partner del progetto.

Nel weekend del 4 e 5 aprile tutti possono fare la propria parte, dedicando impegno e risorse ai beni comuni come volontari, ma anche prendendosi del tempo per visitare le eccellenze culturali, artistiche e naturalistiche del nostro territorio, tutto questo grazie all’esperienza del Touring Club Italiano nell’accoglienza e nella promozione di un turismo consapevole.

Per scoprire tutti i luoghi oggetto di intervento e diventare volontario: touringclub.it/ungiornoperbene

Il Touring Club Italiano è una libera associazione senza scopo di lucro che propone ai suoi soci – destinatari e attori della missione – di essere protagonisti di un grande compito: prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta, attrattiva, competitiva e accogliente. Per questo il Touring Club Italiano contribuisce a produrre conoscenza, tutelare e valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale e le eccellenze economico produttive dei territori, attraverso il volontariato diffuso e una pratica turistica del viaggio etica, responsabile e sostenibile.

Precedente Riflessioni su “Sannio Falanghina – Città europea del vino” Successivo Il Molise piange Flavio Bucci