Ucraina, droni Kiev su Belgorod: almeno 6 morti. Russia attacca Sumy

(Adnkronos) – Almeno sei persone sono state uccise e altre 35 ferite oggi in un attacco di droni attribuito all'Ucraina e compiuto nella regione russa di confine di Belgorod. A darne notizia sono state le autorità russe, affermando che i velivoli hanno colpito due autobus che trasportavano i dipendenti di un'azienda agricola. Il governatore di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, ha dichiarato in un messaggio sul suo account Telegram che "l'incidente è avvenuto vicino al villaggio di Berezkova" e ha affermato che le forze ucraine hanno usato "droni kamikaze" per attaccare i due autobus e un terzo veicolo passeggeri. "Esprimo le mie sincere condoglianze alle famiglie e agli amici delle vittime", ha detto, aggiungendo che tra i feriti ci sono due bambini "con ferite superficiali" e un uomo "in gravi condizioni", per cui non si esclude che il bilancio delle vittime possa aggravarsi nelle prossime ore.  
Le forze russe hanno attaccato sei villaggi nell'oblast di Sumy. Lo ha riferito l'amministrazione militare regionale, aggiungendo che ieri sono state registrate più di 22 esplosioni ma che non ci sono state vittime. Ad essere state colpite, sono le comunità di Khotin, Yunakivka, Bilopillia, Krasnopillia, Velyka Pysarivka ed Esman. Stamattina, l'amministrazione militare di Sumy ha riferito che le forze russe avevano effettuato attacchi con droni sulle infrastrutture energetiche della regione, provocando parziali blackout nell'area.  Il presidente russo Vladimir Putin ha incaricato lo Stato Maggiore Generale di avviare esercitazioni sull'uso di armi nucleari non strategiche. Lo ha riferito il ministero della Difesa di Mosca. "Su istruzioni del Comandante in Capo Supremo delle Forze Armate della Federazione Russa – si legge un comunicato – al fine di aumentare la prontezza delle forze nucleari non strategiche a svolgere missioni di combattimento, lo Stato Maggiore Generale ha iniziato i preparativi per lo svolgimento di esercitazioni nel prossimo futuro, con formazioni missilistiche del Distretto Militare Meridionale e con il coinvolgimento dell’aviazione e delle forze navali”.  I partiti democratico e repubblicano negli Stati Uniti considerano la Russia un nemico e cercheranno di infliggerle una sconfitta, indipendentemente dall'esito delle elezioni presidenziali. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov. "Presto ci saranno le elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Non c'è divisione tra democratici e repubblicani su Russia e Cina. Uno può essere 'più duro', l'altro 'ancora più duro', ma in linea di principio non vediamo alcuna differenza. Per entrambi, non importa chi vince le elezioni, noi siamo in generale il nemico. Che siamo un avversario o un nemico è una sfumatura, ma la “sconfitta strategica” che secondo loro dovrebbe essere inflitta alla Russia è "l’obiettivo americano dell'establishment", ha aggiunto Lavrov in un'intervista al canale bosniaco Atv. "Come ha detto il presidente russo Vladimir Putin – ha aggiunto il ministro degli Esteri russo – saremo pronti a lavorare con chiunque eleggerà il popolo americano, a condizione che ci sia una volontà opposta nei nostri confronti", ha aggiunto Lavrov.  —internazionale/[email protected] (Web Info)

Articoli correlati