Ue, ambiente: nuovo obiettivo per le riduzioni di gas a effetto serra

A seguito dell’approvazione da parte del Consiglio europeo di un nuovo obiettivo più ambizioso di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dell’Unione europea di almeno il 55 per cento entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, l’Unione europea e i suoi 27 Stati membri hanno formalmente presentato questo obiettivo quale nuovo contributo determinato a livello nazionale (NDC) nel quadro dell’accordo di Parigi.

Parallelamente, i colegislatori proseguono i negoziati sulla legge europea sul clima, che fissa l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 e l’obiettivo dell’Unione europea per il 2030 in una normativa vincolante dell’Unione. La Commissione ha concepito il Green Deal europeo come la nuova strategia di crescita dell’Unione europea. Il suo obiettivo principale, fare dell’Europa il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050, dà certezza alle nostre imprese. Il nuovo NDC è un passo necessario per accelerare gli sforzi di decarbonizzazione nel quadro del nostro contributo all’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale ben al di sotto di 2°C e di proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5°C.

L’ambizioso nuovo NDC dell’Unione europea ribadisce l’impegno dell’Unione ad essere leader in materia di clima a livello mondiale e serve da esempio e incentivo affinché i nostri partner internazionali rafforzino i loro NDC in vista della COP26, che si terrà a Glasgow l’anno prossimo. Negli ultimi mesi abbiamo visto che altre grandi economie hanno assunto una serie di impegni incoraggianti nella lotta contro i cambiamenti climatici, la settimana scorsa 70 leader mondiali si sono impegnati al vertice sull’ambizione climatica delle Nazioni Unite e altre 60 grandi imprese europee si sono schierate a favore dell’obiettivo fissato per il 2030.

Il discorso del Vicepresidente esecutivo Frans Timmermans al Consiglio “Ambiente” di ieri è disponibile qui e le osservazioni del Commissario per l’Ambiente Virginijus Sinkevičius alla conferenza stampa tenutasi a conclusione della riunione sono disponibili qui. Una scheda informativa sull’accordo di Parigi e sulla diplomazia dell’Unione europea in materia di clima è disponibile online. Per maggiori informazioni sull’azione internazionale dell’Unione sui cambiamenti climatici, cliccare qui.

Precedente Un futuro più verde per la nostra agricoltura Successivo Il Sud che ci piace: l'olio delle tenute Allegretti