Un selfie vale una vicinanza

“Il ministro Tal dei Tali è vicino al Molise”. E’ una vera e propria litania quella che accompagna in questi giorni, sui siti e sui social molisani, i ministri del governo Conte bis. Spesso questa “vicinanza” è accompagnata dall’immagine del selfie che ritrae il tal ministro con un amministratore molisano. Insomma, uno scatto casomai rubato durante un convegno a Roma varrebbe “una vicinanza” con la regione e con il popolo molisano. Tutto ciò è indicativo del livello attuale della comunicazione politica sul territorio.

In realtà il governo Conte bis, pur offrendo un ampio parterre di ministri meridionali (addirittura ben due della Basilicata), lascia a bocca asciutta proprio il Molise. Dai tempi – ormai lontani – di Tonino Di Pietro, il quale però ha acquisito notorietà altrove, questa regione non riesce ad esprimere politici di caratura nazionale. C’è di più: ora il Molise ha ben cinque parlamentari nella maggioranza, cioè quattro pentastellati più una di Leu. Nonostante ciò, niente numeri uno nei ministeri.

Precedente Le prospettive italiane: un convegno a Torino con Scacciavillani Successivo Qualità tempo libero: Isernia penultima in Italia