Roma, presentazione del libro di Andrea Cacciavillani



ROMA – Presentazione a Roma per il volume “Labirinto Paradiso e altri racconti” (Edizioni Galassia Arte) dello scrittore Andrea Cacciavillani di Agnone (Isernia). L’appuntamento è per giovedì 12 novembre, dalle ore 19, presso l’Unar, via Aldovrandi 16.
Dalla presentazione del volume: “Aprire gli occhi. Un atto in apparenza naturale prima che ognuno inizi a muoversi tra le necessità della vita.Un gesto che invece per Mario, il protagonista di questi racconti, diventa il punto di partenza di storie dal sapore paradossale, che possono avere esistenza e consistenza solo nella dimensione onirica. Mario (che in sé rappresenta l’uomo comune, quello che vive – lasciandosi vivere – la norma e la consuetudine in una società omologata e piatta) si proietta dunque in situazioni solo all’apparenza normali, che possono accadere a chi, nel vivere, subisce perdite, o ambisce a desideri, o si nega alle convenzioni, o – semplicemente – la vita, vuole renderla intrigante alla ricerca di un sentimento che resti sempre acceso.Non la luce del giorno, ma la notte a favorire lo svolgimento delle trame. La virtualità prende allora il sopravvento sulla realtà e va ad ingigantire i finali, del tutto inattesi rispetto alle sequenze iniziali, che vedono protagonisti un ladro che si introduce nottetempo nella stanza di un albergo; un marito che all’improvviso rimpicciolisce; un altro che va alla ricerca della moglie perduta utilizzando internet ed un uomo che incontra una donna conosciuta in chat.La narrazione si muove con spigliata destrezza nel complesso della psiche umana che scandaglia vicende con epiloghi in apparenza naturali. Ma nulla è consueto nel divenire di questi personaggi, che si dibattono tra le spire di una loro metamorfosi (interiore ma anche esteriore) con esiti irreversibili.La domanda è allora: Mario aprirà gli occhi su questa realtà, che è la sola che la sua mente ha saputo generare, o li aprirà invece al sogno?”.

A.N.

<div class="

Precedente Cordoglio per la scomparsa di Rita Fossaceca Successivo Guglionesi (Campobasso): appuntamento teatrale