Celebrazioni unità d’Italia: testimonial la fonderia Marinelli



Celebrazioni unità d’Italia: testimonial la fonderia Marinelli

AGNONE (ISERNIA) – Il 150° anniversario dell’Unità nazionale è stato recepito in tutto il mondo quale occasione di attenzione ed approfondimento su vari aspetti della cultura italiana.
Ovunque le grandi metropoli, specialmente quelle in cui i flussi migratori sono stati più abbondanti, sono impegnate a divulgare le esperienze italiane con mostre e manifestazioni.
Il Molise spicca particolarmente in questa grande vetrina del “made in Italy” attraverso il prestigio e la notorietà della Pontificia fonderia di campane Marinelli di Agnone (Isernia)dovuta sopratutto al suo primato nella classifica delle ditte più longeve al mondo.
Oltre al crescente interesse di stampa e televisione nazionali, la fonderia di Agnone registra un incremento di giornalisti stranieri. Nei prossimi mesi interi documentari, in Germania come in Corea, saranno dedicati all’arte campanaria dell’antica famiglia Marinelli.
Il prossimo 15 gennaio la fonderia sarà collegata con il Giappone per una lunga diretta televisiva. La principale emittente nipponica ha scelto di testimoniare il meglio della tradizione italiana attraverso cinque documentari dedicati ad altrettante famiglie italiane che ben rappresentano le caratteristiche di peculiarità del prodotto italiano. Il primo di essi tratterà proprio la ditta più antica, assolutamente interessante per la multisecolare conduzione familiare e per la totale, immutevole artigianalità del prodotto. Faranno seguito, nelle successive settimane, i documentari dedicati ad altre famiglie emblematiche del gusto e della creatività italiani quali Benetton, Ferragamo, Illy e Ginori.
Da tempo la fonderia Marinelli sta lavorando alla realizzazione di opere celebrative dell’Unità d’Italia: una grande statua raffigurante Giuseppe Garibaldi sarà presto collocata in un grosso centro campano.
Lo scorso 20 dicembre è stata fusa alla presenza di autorità religiose, militari e civili una campana finemente decorata, dal peso di 100 chilogrammi e dal diametro di 50 centimetri, da consegnare al presidente Napolitano e che vuole essere prototipo di una più ambiziosa opera monumentale da porsi in un luogo significativo della Capitale di cui si mantiene il riserbo.
Il prossimo 14 gennaio verrà alla luce nella fonderia di Agnone ancora una campana dedicata alla Patria Unita. Il rito della fusione verrà celebrato dal vescovo della diocesi di Trivento S.E. Scotti e, a conferma del valore civile dell’evento, saranno presenti alti rappresentanti civili e militari dello Stato.
L’evento sarà ripreso dal giornalista Stefano Snaidero, inviato dal Corriere della Sera per “Corriere Magazine”.
Nella stessa data altri noti professionisti fotograferanno diverse realtà lavorative per cercare di congelare l’Italia in un preciso momento storico. Quest’anno, particolarmente importante perchè legato ai festeggiamenti dl 150°anniversario dell’ Unità, è stato proposto a Snaidero di seguire le attività della fonderia Marinelli scelta a rappresentare una parte importante dell’Italia per il fascino di una tradizione che si perpetua, la forza evocativa del luogo e delle attività che si svolgono, il legame culturale con il tessuto italiano.

(Anna Di Nardo Ruffo)

<div class="

Precedente Roma, Camera dei deputati da febbraio mostra di Greibesland Successivo Aggredì due gay a Roma: da 7 a 4 anni per "Svastichella"