Roma Travel Show da venerdì al Palazzo dei Congressi

Roma nonostante sia una delle capitali mondiali del turismo è carente di iniziative, soprattutto fieristiche, dedicate alla promozione del comparto. Una mancanza avvertita non solo tra gli operatori del settore, ma anche dal grande pubblico.

Ecco allora il “Roma Travel Show”, che superando la dimensione locale, punta verso traguardi più ambiziosi. Tre giorni, da venerdì 31 gennaio a domenica 2 febbraio 2020, in una location di prestigio come il Palazzo dei Congressi all’Eur.

Il visitatore potrà scegliere tra i “tanti turismi” in cui si è specializzato il comparto: da quello ecosostenibile e ambientale, enogastronomico, culturale per conoscere in profondità il territorio, a quello lento e spirituale, o di fede per l’arricchimento personale, al turismo mirato a eventi sportivi, musicali, cinematografici, artistici, senza escludere i nuovi trend quali il turismo per il benessere, spa, termale e sportivo, ai viaggi wow, i viaggi perfetti costruiti su misura dai travel specialist.

Particolare attenzione verrà riservata agli Enti del turismo e alle istituzioni rappresentative delle più interessanti mete turistiche del territorio italiano.

Una fiera preziosa, dedicata a chi sogna di raggiungere una destinazione precisa o di scoprire nuove opportunità per il proprio viaggio, che sia esso di nozze, emozionale, rilassante, avventuroso o di scoperta.

“Roma Travel Show”, supportata da espositori ed operatori qualificati, raggiunge un altro obiettivo di primaria importanza che è quello di fornire al viaggiatore una risposta professionale alla richiesta di garanzia, sicurezza e assistenza, sia per una semplice vacanza che per un viaggio speciale: di nozze, di scoperta, d’avventura, sognato o il viaggio di una vita.

Viaggi che devono poter contare in qualsiasi parte del mondo su attenzione ed assistenza che solo agenzie e specialisti del viaggio possono garantire: caratteristiche che in particolare con la globalizzazione e le nuove tecnologie sono messe in pericolo con l’ingresso di operatori anonimi e privi di competenza.

“Roma Travel Show” metterà in primo piano principalmente le agenzie di viaggio considerato che nel solo Lazio operano oltre mille agenzie che coinvolgono alcune migliaia di professionisti del viaggio, che spesso non hanno molte occasioni per esprimere la loro professionalità e il bagaglio di competenze di cui si possono avvalere i consumatori, a differenza di quanto avviene nel web dove si affacciano e si affermano, appunto, sempre più operatori anonimi e privi di affidabilità.

Precedente Hubei, la regione del Coronavirus “amica” del Molise Successivo Coronavirus, l'impatto sulla supply chain