Teatro Roma (via Umbertide), di scena Pino Ammendola e Nicola Pistoia

Una commedia brillante e divertente, scritta da Pino Ammendola e Nicola Pistoia, ambientata nella calda notte di ferragosto in una piccola officina di periferia gestita da due meccanici che incarnano due modi diversi di vedere la vita.

Pino (Giuseppe Cantore) adora il suo lavoro ed è sempre meticoloso e attento,  Ciccio (Fabio Avaro) un po’ cialtrone cerca di sbarcare il lunario senza affaticarsi. Insieme a loro c’è Nicola (Enzo Casertano) “ragazzo” di  bottega che ha superato da un pezzo gli “anta”, solo al mondo, l’officina è diventata la  sua casa.

L’arrivo improvviso di una donna bellissima e misteriosa di nome Eva (Ramona Gargano) sconvolge la vita dei tre uomini. Lei pronta a togliersi, insieme all’aureola miracolosa, gli abiti bagnati e a sedersi a tavola per una cena improvvisata a base di pasta al sugo, vino e salame. I tre meccanici a cena con Eva sono in preda ad una tempesta ormonale che cresce, nel corso della notte e degli eventi, di pari passo con i brontolii del temporale estivo.

Rimasta in panne con la sua macchina e desiderosa di essere confortata dopo il tradimento del fidanzato Franco, Eva si apre a confidenze e confessioni intime. Le sue generose grazie accendono il fuoco delle fantasie proibite e delle rivalità maschili, in un gioco seduttivo che si fa con il passare del tempo sempre più audace e quasi spudorato.

L’arrivo di un quarto uomo, il fidanzato di Eva (Lallo Circosta), inquietante e geloso innesca, dopo una proposta di matrimonio fatta ad Eva , un vortice di situazioni esilaranti che condurranno lo spettatore in una tempesta di risate.

La timidezza imbarazzante di Nicola, la carnalità primitiva e schietta di Ciccio e la tenerezza di Pino, daranno vita ad una miscela esplosiva con situazioni paradossali e gag divertenti dove il pubblico si sentirà coinvolto emotivamente fino all’ultima battuta.

Riepilogo: Enzo Casertano, Fabio Avaro, Lallo Circosta, Giuseppe Cantore e Ramona Gargano in “Uomini targati Eva”, regia di Silvio Giordani.

Quando e dove. Fino al 17 novembre 2019 presso il Teatro Roma, via Umbertide 3, Roma, tel. 06-7850626.

Precedente Calvino, dialogo sullo scrittore al Macro Asilo di Roma Successivo Gita da Roma / Vignanello (Viterbo) tra vino e olio