Termoli, ha riaperto il Macte, museo di arte contemporanea

Il MACTE di Termoli (museo di arte contemporanea, in via Giappone) ha riaperto al pubblico da lunedì 18 gennaio 2021 con un nuovo allestimento della collezione a cura della direttrice Caterina Riva. L’ingresso è gratuito.

Da Mirella Bentivoglio a Benni Bosetto, da Gastone Novelli a Riccardo Baruzzi, passando per Carla Accardi, Mario Schifano, Nanda Vigo, Sergio Lombardo, Dadamaino e Giuseppe Uncini: un percorso unico tra i vincitori del Premio Termoli, dal 1955 ai giorni nostri. Grazie al Premio e alla sua storia, Termoli si pone oggi nel panorama nazionale e internazionale come un attento osservatorio delle sperimentazioni artistiche dal secondo Novecento fino ai nostri giorni. Le opere entrate a far parte della collezione a seguito di questo riconoscimento e presentate nelle sale in un nuovo percorso permettono oggi di guardare alla storia dell’arte degli ultimi settant’anni con uno sguardo nuovo.

Come spiega Caterina Riva “il riallestimento del MACTE è il frutto di un mio primo avvicinamento alla Collezione del Premio Termoli e della volontà di curare un percorso che, non seguendo un ordine cronologico o tematico, presenti sia le problematiche che le potenzialità delle opere conservate presso il Museo. La giustapposizione di opere da tempi e contesti differenti vuole mostrare diverse strategie e materiali, e annunciare una dialettica di significati e significanti dei linguaggi artistici, che da storici si fanno contemporanei e viceversa.

In parallelo alla selezione e installazione di opere nelle sale, abbiamo iniziato una ricerca su opere e artisti che fanno parte della Collezione del Premio Termoli, invitando critici e curatrici, artisti e artiste a scrivere dei testi su opere selezionate, offrendo al pubblico degli approfondimenti redatti da persone che per frequentazione, esperienza o studi hanno un punto di vista privilegiato su di esse. I testi che stiamo raccogliendo saranno a disposizione sia nelle sale del Museo che sul nuovo sito del MACTE, in via di sviluppo.”

Nel rispetto delle normative vigenti la visita al MACTE è consentita dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Crediti immagine: courtesy MACTE – Museo d’Arte Contempranea di Termoli, foto Gianluca Di Ioia

Precedente Scuole, confermata riapertura in Lazio e Molise. Ma a che serve il Cts? Successivo Crisi di governo: prima che il sasso rotoli...