Una poesia di Umberto Berardo

CIÒ CHE NON SO LASCIARE

C’è un filo forte

che lega ognuno

alla terra delle origini.

È la palla di fuoco

là sul crinale dei monti

che ti porta vita e spettacolo

nell’incanto del mattino.

È la neve che ovatta il silenzio,

ne fa un veicolo di pensiero,

lo rende creativo.

Sono i colori multiformi

del paesaggio magico

delle diverse stagioni.

Sono le grida chiassose

dei ragazzi in piazza.

È l’affetto di quanti

sanno amare la vita

dei propri anziani.

È il sorriso di chi

anticipa ancora gli incontri

con un sorriso ed un buongiorno.

È la capacità

di tanti che sanno vivere

aprendo ancora porte e finestre.

È la sensibilità

di tutti quelli

che intendono ancora

mettersi in relazione

col grande mistero della vita

amandone il peso,

la forza,

il senso,

la bellezza.

Precedente Dal 26 aprile scuole superiori piene al 100%, ce n’è la necessità? Successivo Il Molise oltre i dati Istat