Anversa degli Abruzzi (L’Aquila) e gli artisti-viaggiatori

Anversa è un piccolo borgo a 600 di altitudine nella Valle del fiume Sagittario (provincia dell’Aquila), circondato dalle montagne dell’Appennino, con circa 350 abitanti, di cui 15 nella bellissima frazione di Castrovalva.

Il centro storico conserva l’impronta medioevale ed è impreziosito dalle stupende Chiese romaniche abruzzesi di San Marcello (il patrono) e Santa Maria delle Grazie, dai ruderi del Castello Normanno, dalle antiche Case dei Mastri Lombardi, dagli stretti vicoli scalinati e dalle pittoresche piazzette.

Importanti sono le tracce del passato attestate anche dalla presenza di necropoli italiche e antiche vestigia.

L’ECONOMIA

  • Il contesto socio-economico di Anversa è caratterizzato da due ristoranti, tre agriturismi, due B&B, tre Bar, il panificio, un’edicola, una rivendita di tabacchi, l’Ufficio postale, uno sportello bancario, la farmacia, due piccoli negozi di alimentari e frutta, alcune aziende agricole e di allevamento con produzione di eccellenti formaggi, salumi e olio d’oliva, diverse imprese edili ed artigiane.

IMPRENDITORIA E ASSOCIAZIONISMO

  • Da segnalare l’associazione Albergo Diffuso nata per l’accoglienza ed il soggiorno di visitatori e turisti, tre Cooperative di servizi che si occupano delle attività naturalistiche e di gestione del verde pubblico, una Fattoria didattica, il Centro di equitazione Il Cavallo dell’Appennino, la Comunità terapeutica riabilitativa “Il Castello” che ospita giovani con disagi psicologici, la Pro loco di Castrovalva e varie associazioni culturali ed artistiche.

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

  • Da alcuni anni ad Anversa è stato creato il Gruppo Comunale Volontari di Protezione civile che svolge una preziosa opera di prevenzione e di assistenza alla popolazione in ogni situazione di emergenza e di pericolo.
  • Particolarmente apprezzato il lavoro dei volontari in occasione del terremoto dell’Aquila del 2009, in ogni inverno durante le abbondanti nevicate e in estate per il rischio da incendi.

IL CONTESTO MULTIETNICO

  • In paese vivono numerose famiglie di immigrati di varie nazioni (Macedonia, Albania, Croazia, Romania, Polonia, Serbia, Ucraina, Tunisia, Perù, ecc.), che si sono molto ben inserite nella realtà civile e produttiva locale.
  • Gli stranieri di Anversa hanno costituito l’Associazione “Alba” e periodicamente organizzano delle iniziative per presentare le loro tradizioni ed anche i loro piatti tipici in una simpatica cena pubblica multietnica.

CASTROVALVA

  • La piccola frazione di Anversa, denominata «Nido d’aquila» è un incantevole borgo incastonato su uno sperone roccioso a 820 metri slm, ricco di storia e di fascino, con le antiche case ristrutturate in maniera davvero eccellente e con uso di materiali tipici locali.
  • Da segnalare la Chiesa di Santa Maria ad Nives, la Chiesetta di Santa Maria delle Grazie e i ruderi antichi di San Michele, l’arco medioevale, i vicoli stretti ed alcune pregevoli dimore storiche.
  • Castrovalva appare ai visitatori come un luogo magico, in una dimensione al di fuori del tempo e dello spazio, gli ampi panorami, i lunghi silenzi, i profumi della natura, il soffio del vento…

RISERVA NATURALE ‘GOLE DEL SAGITTARIO’

  • L’Oasi del Wwf Italia dal 1991, fu istituita Riserva naturale regionale con legge del 1997.
  • Si estende per 450 ettari dai 500 ai 1500 metri e ospita numerose specie animali tra cui l’aquila reale, il gracchio corallino, il lupo, l’orso bruno marsicano.
  • Le tipologie ambientali presenti sono molto varie.
  • Tra le più rappresentative vi sono le rupi ed i ghiaioni calcarei, i prati aridi, la vegetazione delle sorgenti, il bosco mesofilo di fondovalle, la faggeta e le praterie primarie d’alta quota.
  • In questi luoghi trovano riparo numerosissime vegetali di notevole interesse naturalistico e conservazionistico.
  • Particolarmente interessanti le numerose sorgenti di acqua presenti nel territorio che attestano una straordinaria biodiversità.
  • Recupero strutture per foresteria, alloggio volontari e servizi per il volontariato
  • Microimpianto a biomassa per teleriscaldamentoterr_gole_sagittario

IL PARCO LETTERARIO “GABRIELE D’ANNUNZIO

● Istituito nel 1997 dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Fondazione “Ippolito Nievo” ed il Wwf-Italia proprio per la valorizzazione del territorio e la promozione del patrimonio storico, artistico, culturale e ambientale, rappresenta un fiore all’occhiello per tutta la regione Abruzzo essendo l’unico.

● L’associazione dei Parchi Letterari fa riferimento alla prestigiosa rete della Società Dante Alighieri che ne promuove le attività e le iniziative attraverso i Comitati e i Centri Italiani di Cultura presenti in tutto il mondo.

● Tra Anversa degli Abruzzi e Gabriele D’Annunzio esiste un profondo legame, consacrato nella celebre tragedia La Fiaccola sotto il moggio.

● L’opera, scritta nel 1904 e dal poeta definita “la perfetta tra le mie tragedie” è ambientata proprio nel piccolo paese di Anversa, tra le mura della “casa antica dei Sangro”, e fu rappresentata la prima volta il 27 marzo 1905 presso il Teatro Manzoni di Milano.

● Le attività del Parco Letterario si svolgono principalmente in estate con passeggiate poetiche, recitazioni negli angoli del paese, recital di poesia, incontri culturali, presentazioni di libri, concerti di musica classica.

● Durante l’anno ci sono varie iniziative promosse dal Parco che richiamano numeroso pubblico e appassionati.

● Continue sono le presenze di visitatori nei luoghi di ispirazione immersi nel contesto paesaggistico del territorio.

I LETTERATI E ARTISTI VIAGGIATORI

Fin dall’antichità poeti, scrittori e pittori hanno decantato le bellezze di Anversa e della Valle del Sagittario. Una particolare citazione va riservata a TORQUATO TASSO che nel 1500, ospite della famiglia mecenate dei Conti Belprato, dedicò un sonetto alle acque sorgive di Cavuto.

Tra i principali artisti “viaggiatori” stranieri vanno ricordati:

  • RICHARD KEPPEL CRAVEN – Viaggio attraverso l’Abruzzo (1837)
  • EDWARD LEAR – Viaggio attraverso l’Abruzzo pittoresco (1846)
  • HELEN HESTER COLVINN – A ramble in the Abruzzi (1907)
  • ANNE MACDONNEL – Negli Abruzzi (1908)
  • AMY ATKINSON – In the Abruzzi (1908)
  • ESTELLA CANZIANI – Attraverso gli appennini e le terre degli Abruzzi (1928)
  • M. CORNELIS ESCHER – Taccuino di viaggio e litografie (1930)

Da segnalare anche le immagini scattate da famosi fotografi come Thomas Ashby e Fulvio Roiter

MAURITS CORNELIS ESCHER

  • Durante un suo viaggio del 1930 anche il grande artista olandese, risalendo la Valle del Sagittario, rimase colpito dal suggestivo territorio e volle rappresentarlo nelle sue opere.
  • La celebre litografia “Castrovalva“ di Escher, esposta al Museum of Art di Washington, è considerata da molti critici quella di più alto spessore del periodo paesaggistico dell’artista.
  • Il grande critico Bruno Ernst così la descrive: “la natura di questo luogo sconosciuto, di questo sentiero montano, di queste nuvole, dell’orizzonte, della valle, l’essenza dell’intera composizione è una profonda sintesi. Su questo suggestivo foglio, Castrovalva risulta in tutta la sua essenza di bene comune comprensibile a tutti“.

IL CLUB DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA

  • Nel marzo del 2001 nasce il club de I Borghi più Belli d’Italia su impulso della Consulta del Turismo dell’Associazione dei Comuni Italiani (ANCI). Questa iniziativa è scaturita dall’esigenza di valorizzare il grande patrimonio di Storia, Arte, Cultura, Ambiente e Tradizioni presente nei piccoli centri italiani che sono, per la grande parte, emarginati dai grandi flussi di visitatori e turisti.
  • Dal 2003 il Comune di Anversa degli Abruzzi è stato ammesso nel Club dei Borghi più Belli d’Italia e sin dall’inizio l’Amministrazione Comunale e gli operatori economici del paese partecipano attivamente a tutte le iniziative e gli eventi promossi dal direttivo dell’associazione e dal coordinamento regionale: Festival annuale, Assemblea nazionale, Meeting e Workshop nazionali (Ecotur), Fiere promosse all’estero (Atene, Mosca, Tokio, ecc.), Giostra Cavalleresca dei Borghi di Sulmona, frequenti incontri periodici.

LA TRADIZIONE DELLA CERAMICA

  • Già nei primi anni del 1500 ad Anversa era fiorente la lavorazione e la produzione di manufatti in ceramica artistica.
  • Ne sono testimonianza alcune pregiate opere della Villa d’Este a Tivoli, le piastrelle della Chiesa tratturale di S. Maria delle Grazie a Collarmele, la statua di San Rocco nella Chiesa madre di Anversa e numerosi utensili

LA LAVORAZIONE DELL’ARGILLA

  • Nei secoli successivi purtroppo fu abbandonata la lavorazione artistica della ceramica e si sviluppò invece una intensa produzione di stoviglie e manufatti in argilla, con molte famiglie artigiane e botteghe con i forni. Visitabile una antica bottega con il forno.
  • Gli oggetti più caratteristici sono la “pignata” ed il “cucù”.

I GEMELLAGGI INTERNAZIONALI

  • Il Comune di Anversa degli Abruzzi da alcuni anni si sta aprendo agli scambi culturali ed alle relazioni sociali e turistiche con paesi e cittadini di altre nazioni europee, con risultati molto soddisfacenti e che lasciano ben sperare per gli sviluppi futuri.
  • Nel 2005 è stato ufficializzato il Gemellaggio internazionale con il Comune di Illiers-Combray (Francia) grazie al collegamento letterario tra D’Annunzio e Marcel Proust e caratterizzato da proficui scambi biennali.
  • Contatti e relazioni sono state sviluppate con l’isola di Zante (Grecia), Senglea (Malta), Gemünden Whora (Germania), Conniston (Regno Unito), (Austria), Baarn (Olanda) e Antwerpen (Belgio).

LA GASTRONOMIA LOCALE

  • Diversi e pregevoli prodotti tipici caratterizzano il paese di Anversa degli Abruzzi
  • Dall’olio di oliva al vino Montepulciano, dai formaggi e ricotte di pecora ai salumi tipici, dalla chitarra al sugo d’agnello agli arrosti di selvaggina, senza dimenticare i gustosi dolci locali e i liquori caserecci.

L’AREA CAMPER

  • Nel 2011 è stata realizzata un’Area Camper a valle del paese, anche grazie al contributo dell’APC e dell’ANFIA che hanno attribuito nell’anno 2009 un Premio al Comune di Anversa per il Turismo all’aria aperta.

IL PREMIO PER IL TURISMO RESPONSABILE

  • Il 21 settembre 2013 l’Associazione Turismo Responsabile Italiano e la rivista L’Agenzia di Viaggio hanno attribuito al Comune di Anversa degli Abruzzi un significativo Premio in occasione del 150° anniversario della nascita di Gabriele D’Annunzio

LE PROSPETTIVE TURISTICHE

  • Da molti anni l’Amministrazione Comunale sta lavorando per uno sviluppo del turismo di qualità, cercando di offrire ai visitatori dei pacchetti vacanza imperniati sulle bellezze del paesaggio, sull’ambiente naturalistico, sulle risorse storiche e culturali, su eventi artistici e musicali, sui percorsi ciclabili, ma anche sui prodotti tipici e sul calore umano degli abitanti.
  • Vi sono riscontri molto interessanti da ogni parte d’Italia ed anche dall’estero, con presenze elevate nel periodo estivo.
  • Un obiettivo strategico è rappresentato dalla necessità di destagionalizzare le presenze.

PROGRAMMI PER IL FUTURO

  • L’esigenza maggiore è quella di creare una forma di collaborazione e di sinergia con gli altri Comuni ed Enti del territorio e gli operatori privati, in maniera da sviluppare programmi omogenei ed integrati, in grado di stimolare e soddisfare nel miglior modo possibile la domanda turistica, migliorando l’accoglienza. (Gi.Ca.)
Precedente San Salvo (Chieti) e la sua storia Successivo Anagni (Frosinone), la città dei Papi