Capracotta (Is), sgomento per la morte di Bruno Pallotta

La sua attività è un punto di riferimento per tanti molisani residenti a Roma. Bruno Pallotta di Capracotta, 49 anni, titolare dell’omonimo caseificio, è morto precipitando in un burrone sul monte San Nicola, nel territorio di Agnone (Isernia), probabilmente nel tentativo di salvare una delle sue mucche.

Pallotta era riuscito a chiedere aiuto attraverso il suo cellulare ed era stato subito individuato, ma la zona impervia, a 1400 metri di quota, ha reso particolarmente difficili le operazioni di soccorso, anche a causa della nebbia. Durante il tragitto verso l’ospedale, Pallotta ha perso conoscenza e a nulla sono valse le manovre rianimatorie. La salma è stata trasferita nell’obitorio dell’ospedale “Veneziale” di Isernia.

Precedente “NeapolitanTrips”, il primo art hostel a Napoli Successivo Emilio Gentile e le preziose lezioni di storia